Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

08/02/2019

Lichen sclero-atrofico: sintomi, segni e terapie



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho 52 anni, e da circa un anno e mezzo soffro di lichen sclero-atrofico. I rimedi che mi sono stati consigliati sinora hanno dato scarsi risultati. Potete consigliarmi un farmaco efficace e un detergente per l’igiene intima? Grazie”.

top

Gentile amica, il lichen sclero-atrofico è una patologia cronica caratterizzata da prurito vulvare intenso, e prevalentemente notturno. Questo prurito, legato a una risposta immunitaria i cui meccanismi non sono ben noti, porta all’ispessimento (lichenificazione) del tessuto vulvare e alla successiva perdita di elasticità tissutale.
La terapia si basa sull’utilizzo di preparati locali a base di cortisone (clobetasolo) in fase acuta, mentre nelle fasi di silenzio sintomatologico è necessario ricorrere a creme a base di vitamina E e testosterone. Come detergente intimo è bene ricorrere a prodotti delicati, da utilizzare un’unica volta al giorno. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Igiene intima - Lichen sclerosus - Lichen vulvare - Prurito genitale - Terapia medica

Stampa

© 2019 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico