Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

10/05/2018

Impianto contraccettivo sottocutaneo: che cosa fare se provoca flussi abbondanti



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Da settembre sto utilizzando come anticoncezionale l’impianto sottocutaneo, dispositivo che ha sempre suscitato il mio entusiasmo e di cui sono sempre stata una grande estimatrice. L’inserimento è stato praticamente indolore; il bastoncino è così morbido che ci si dimentica di averlo, e una volta inserito dura tre anni. Ne sarei più che soddisfatta… ma a quanto pare rientro in quella minuscola categoria di persone a cui l’impianto causa un’aumentata mestruazione, nel mio caso addirittura una metrorragia. La ginecologa mi ha consigliato l’assunzione contemporanea della pillola. Voi che ne pensate? Sto provando a tener duro, perché non vorrei rinunciare a questo dispositivo che per il resto presenta solo vantaggi. Tuttavia, se la situazione non dovesse migliorare, sarò costretta a gettare la spugna, in quanto questa mestruazione infinita sta influenzando la mia vita personale e di coppia”.

top

Gentile amica, potrebbe essere utile effettuare un’ecografia ginecologica transvaginale per valutare l’eventuale presenza di polipi endometriali, o ispessimenti e disomogeneità della rima endometriale. Nel caso in cui non venga evidenziato nulla di patologico, con la persistenza dei cicli abbondanti e lunghi risulta indicata l’asportazione del dispositivo sottocutaneo con passaggio ad altro tipo di contraccettivo. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Contraccezione / Contraccezione ormonale - Impianto contraccettivo sottocutaneo - Menometrorragia

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico