Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

11/10/2018

Gardnerella, un germe che tende a recidivare



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho 24 anni e tutto è iniziato circa un mese e mezzo fa. Mi è stata diagnosticata la Gardnerella, tramite tampone vaginale, e ho fatto la cura con ovuli. Una volta finita la terapia ho continuato ad avere fastidio. Ho fatto una visita ginecologica e sia l’esame speculare che l’esame ecografico andavano bene. Ora è da un mese che ho fastidio e da un po’ di giorni ho iniziato a sentire dolore alla palpazione. Potete aiutarmi a capire che cosa potrebbe essere? Sto davvero iniziando a preoccuparmi”.

top

Gentile amica, l’infezione da Gardnerella vaginalis ha frequente tendenza a recidivare; per evitare ciò, in aggiunta alla terapia mirata per il germe è consigliabile trattare il partner, anche se asintomatico, e ristabilire la normale flora batterica vaginale ricorrendo a fermenti lattici. Nel caso la sintomatologia dovesse persistere, le consigliamo di effettuare tamponi vaginali ed endocervicali completi. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Dolore - Gardnerella - Terapia medica

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico