Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

04/11/2014

Supplementazione del DHA in gravidanza: revisione critica



Ambulatorio di “Patologia della gravidanza”, Ospedale Luigi Sacco, Milano


Intervista rilasciata a margine del VI workshop della Società Italiana di Fitoterapia ed Integratori in Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG), organizzato il 29 novembre 2013, a Milano, con il patrocinio della Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus


Supplementazione del DHA in gravidanza: revisione critica

Sintesi del video e punti chiave

L’acido docosaesaenoico (DHA) è un acido grasso polinsaturo a lunga catena della famiglia degli omega 3. In gravidanza è molto utile per la salute del feto e della mamma. Alcuni benefici sono documentati da studi autorevoli; altri attendono ancora una piena evidenza. Ma le linee guida internazionali sono concordi nell’indicarne il livello da mantenere attraverso l’alimentazione o la supplementazione.
In quali sostanze è contenuto il DHA? Come agisce? Quanto se ne deve assumere per ottimizzarne l’azione?
In questo video, la dottoressa Cardellicchio illustra:
- che cosa significa acido grasso essenziale;
- le due principali fonti di DHA: pesce azzurro e alghe verdi-azzurre del plancton;
- come il DHA possa essere assunto mangiando direttamente il pesce, o sotto forma di integratore ricavato dall’olio di pesce e dall’olio algale;
- i benefici documentati del DHA in gravidanza e in età pediatrica: favorisce la formazione delle membrane neuronali, la plasticità sinaptica e lo sviluppo dei fotorecettori retinici; riduce l’incidenza del parto pretermine, prolunga la gestazione, determina un significativo aumento del peso fetale; riduce l’asma infantile e l’allergia alle proteine dell’uovo;
- gli effetti ancora da dimostrare pienamente: prevenzione della pre-eclampsia, del diabete gestazionale, della depressione post partum e, nel neonato, delle dermatiti atopiche e degli eczemi;
- la dose di DHA consigliata alle donne in gravidanza: 200 milligrammi al giorno, equivalenti a due porzioni di pesce la settimana;
- come siano ancora da definire le dosi per le donne ad alto rischio di parto prematuro e diabete gestazionale.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top

Parole chiave:
Acido docosaesaenoico (DHA) - Fitoterapici e integratori - Gravidanza - Rischi fetali - Rischi pediatrici - Rischio ostetrico

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream