Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

17/02/2015

Protezione della fertilità: la crioconservazione del tessuto ovarico – Parte 2



Direttore Prima Clinica Universitaria di Ginecologia e Ostetricia, Università di Torino


Intervista rilasciata in occasione del 16th World Congress of Gynecological Endocrinology, Firenze, 5-8 marzo 2014


Protezione della fertilità: la crioconservazione del tessuto ovarico – Parte 2
Nella prima parte dell’intervista abbiamo spiegato che cos’è la crioconservazione del tessuto ovarico, quali obiettivi si propone e quando può essere praticata: in sostanza, abbiamo visto come sia una tecnica che permetta alle donne di avere un figlio dopo una malattia, e la conseguente terapia, che potrebbero compromettere la fertilità. Oggi concludiamo la nostra indagine analizzando le fasi successive al prelievo e al congelamento del tessuto, e i primi concreti risultati raggiunti dall’Università di Torino.
Che cosa si fa quando la donna desidera un figlio? In che modo il frammento ovarico viene reimpiantato?
Nella seconda e ultima parte di questo video, la professoressa Benedetto illustra:
- che cos’è il test di scongelamento e i suoi obiettivi;
- le tre tecniche chirurgiche oggi disponibili per il reimpianto del tessuto ovarico: laparotomia, laparoscopia con mini-laparotomia, laparoscopia (la più usata);
- come il reimpianto in laparoscopia possa essere effettuato in una o due fasi;
- come l’intervento in due fasi faciliti la neovascolarizzazione della zona di innesto e aumenti quindi le possibilità di sopravvivenza del tessuto reimpiantato;
- quale filo chirurgico è opportuno usare per il reimpianto, e perché;
- come presso il centro di Torino sia recentemente nata la prima bambina concepita spontaneamente in Italia dopo un reimpianto di tessuto ovarico;
- come questa tecnica innovativa ridoni dunque una nuova speranza di maternità alle donne che, in seguito a pesanti e complesse terapie, vedrebbero completamente compromessa la propria fertilità.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top

Parole chiave:
Chemioterapia - Crioconservazione della corticale ovarica - Fertilità e infertilità - Malattie autoimmuni - Radioterapia

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream