Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

05/11/2018

Miomi e fertilità


Fasciani A. Sirito R. Costa M.
Miomi e fertilità
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Patologie ginecologiche benigne e dolore: come scegliere il meglio fra terapie mediche e chirurgiche", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 25 maggio 2018, p. 44-51


E’ consigliabile proporre un trattamento dei miomi a donne infertili o con aborti ricorrenti solo dopo aver valutato ogni singolo caso. Dovremo trattare sicuramente i miomi sottomucosi e quelli intramurali di grandi dimensioni. Per il resto la gestione di attesa è sempre un’opzione possibile.
La procedura chirurgica è abbastanza sicura, tuttavia presenta fattori di rischio anche per la fertilità o una successiva gravidanza, potendo ad esempio causare aderenze post-chirurgiche o il rischio di rottura d’utero.
Le terapie alternative non hanno a tutt’oggi superato né l’efficacia né i limiti della chirurgia, ma fra queste la più promettente è sicuramente la miolisi in radiofrequenza.

top

Parole chiave:
Chirurgia ginecologica - Diagnosi - Embolizzazione - Fertilità / Infertilità - Fibromatosi uterina - Miomectomia - Terapia farmacologica

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici