Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

22/06/2015

Menopausa precoce: ansia, depressione e disturbi del sonno


C. Mencacci R. Anniverno E. Gadler
Menopausa precoce: ansia, depressione e disturbi del sonno
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Menopausa precoce: dal dolore alla salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 27 marzo 2015, p. 19-22


La menopausa è un periodo considerato a rischio in molte donne della popolazione generale per disturbi depressivi e ansiosi. In modo particolare la perimenopausa risulta essere l’epoca di maggiore vulnerabilità all’esordio o alla ricorrenza di un disturbo dell’umore o ansioso.
Il trattamento della depressione e dell'ansia che compaiono in menopausa trova beneficio dalla terapia con antidepressivi di nuova generazione (SSRI, SNRI).Tuttavia la combinazione con terapia estrogenica ha evidenziato un effetto di efficacia superiore nelle donne in menopausa iatrogena, offrendo un effetto sinergico alla cura con antidepressivi e funzionale per una migliore qualità di vita.

top

Parole chiave:
Ansia - Antidepressivi - Depressione - Menopausa precoce iatrogena - Menopausa precoce spontanea - Sonno/Disturbi del sonno - Terapia ormonale sostitutiva - Vampate di calore

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici