Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Audio stream

Condividi su
Stampa

21/11/2009

Lichen sclerosus in età pediatrica: diagnosi differenziale, indicazioni terapeutiche



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


A cura di Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Lichen sclerosus in età pediatrica: diagnosi differenziale, indicazioni terapeutiche

Scarica l'intervista:
Lichen sclerosus in età pediatrica: diagnosi differenziale, indicazioni terapeutiche
(2.343 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Una bambina di sette anni si gratta con insistenza i genitali, lamentando un forte prurito. L’evidenza fisica del disturbo, però, viene sottovalutata: il pediatra sostiene che si tratta di un problema psicologico, mentre a scuola l’insegnante rimprovera la piccola per un comportamento che ritiene sconveniente. Poi, un giorno, una ginecologa formula la diagnosi giusta: lichen sclerosus, una patologia dermatologica che normalmente colpisce le donne adulte, ma può comparire anche nelle bimbe. Si tratta di un disturbo curabilissimo, con i giusti farmaci e un’adeguata igiene intima. Ma l’ingiusta sofferenza fisica e psicologica di questa bambina conferma come il sintomo del dolore (di cui il prurito è un caso particolare) vada sempre ascoltato con rispetto e attenzione, e sia necessario procedere sempre a una diagnosi medica accurata, prima di arroccarsi su sbrigative e infruttuose letture psicologiche.
Che cosa è il lichen sclerosus? Quali sintomi e quali segni provoca? Da che cosa è determinato? Che cosa succede se non viene curato? Quali altre patologie deve escludere una rigorosa diagnosi differenziale? Come si articola la terapia?
In questo articolo illustriamo:
- come il lichen sclerosus interessi in particolare la cute e il sottocute vulvare, inclusi i vasi sanguigni e i corpi cavernosi (strutture fondamentali per la sessualità);
- i sintomi (prurito, soprattutto notturno, e un senso di doloroso disagio cutaneo) e i segni (cute secca e biancastra, tessuti assottigliati, progressiva scomparsa della piccole labbra);
- l’eziologia della malattia: autoimmune, genetica o associata ad atopia;
- l’incidenza del disturbo fra le bambine prepuberi;
- quali altre patologie possano provocare prurito e vadano quindi escluse in sede di diagnosi differenziale;
- perché il lichen sclerosus viene talora diagnosticato con difficoltà in età pediatrica;
- le conseguenze dell’omissione terapeutica: aggravamento e cronicizzazione dei sintomi, proliferazione delle fibre del dolore, compromissione della funzione sessuale e, nel 5 per cento dei casi, sviluppo di lesioni vulvari precancerose;
- differente finalità e posologia dei tre farmaci di elezione: pomata cortisonica; pomata alla vitamina E; pomata galenica al testosterone (solo dopo la pubertà);
- l’importanza di educare la bambina a una corretta igiene intima, per attenuare il disturbo ed evitare infezioni.

top

Parole chiave:
Bambini - Diagnosi differenziale - Dolore genitale - Fattori biologici - Ginecologia - Igiene intima - Lichen sclerosus - Pediatria - Prurito genitale - Secchezza vulvare - Terapia medica

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Audio stream