Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Video Stream

Condividi su
Stampa

21/05/2013

Dolore viscerale: che cos'è, come lo si riconosce


Prof.ssa Maria Adele Giamberardino
Centro Studi per l’Invecchiamento (Ce.S.I.), Fondazione “Gabriele D’Annunzio”, Chieti


Intervista rilasciata a margine del convegno ECM “La donna e il dolore pelvico: da sintomo a malattia, dalla diagnosi alla terapia”, organizzato il 16 novembre 2012, a Milano, dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus e da Springer-Verlag Italia


Dolore viscerale: che cos'è, come lo si riconosce

Sintesi del video e punti chiave

Si definisce viscerale qualunque forma di dolore che abbia origine dagli organi interni del nostro corpo. Dato il numero elevato di questi organi, e la grande quantità di stimoli potenzialmente dolorosi, si tratta di un problema molto frequente e che interessa un’ampia parte della popolazione, anche se spesso viene sottovalutato e mal diagnosticato.
In quali organi può insorgere il dolore viscerale? Quali sintomi e segni presenta dal punto di vista clinico?
In questo video, la professoressa Giamberardino illustra:
- come il dolore viscerale possa originarsi nelle cavità toracica, addominale e pelvica;
- alcuni esempi di organi che possono essere coinvolti da questo tipo di dolore;
- le forme che il dolore viscerale può assumere: acuta, ricorrente, cronica;
- le diverse caratteristiche del dolore nelle fasi iniziali e nel decorso successivo;
- che cosa sono l’ipersensibilità muscolare e l’iperalgesia viscerale;
- perché il dolore viscerale è spesso caratterizzato, soprattutto nelle donne, da fenomeni di comorbilità.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top

Parole chiave:
Dolore viscerale - Iperalgesia

Stampa

© 2013 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Video Stream