Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

28/11/2011

Chlamydia Trachomatis: quale prevenzione e trattamento? I rischi sottovalutati di un'infezione temibile – Sintesi commentata



Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia – Università di Genova
Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


Commento a:
Taylor BD, Haggerty CL.
University of Pittsburgh, Department of Epidemiology, Pittsburgh, PA, USA
Management of Chlamydia trachomatis genital tract infection: screening and treatment challenges
Infect Drug Resist. 2011; 4: 19-29


Le infezioni del tratto genitale causate da Chlamydia Trachomatis (CT) sono molto diffuse e possono essere responsabili di numerose e, talvolta, anche gravi patologie dell’apparato riproduttivo sia maschile che femminile. Sono infezioni crescenti, insidiose perché spesso asintomatiche nelle fasi iniziali e che possono cronicizzare senza dare subito chiari segni di presenza.
E’ indispensabile educare le donne, soprattutto le giovani donne, all’autoprotezione, data l’insidiosità dell’infezione e le pesanti conseguenze a lungo termine. La diagnosi precoce e la prevenzione delle recidive sono aspetti cardinali per ridurre le importanti conseguenze di quest’infezione ancora poco conosciuta e pochissimo prevenuta.

top

Parole chiave:
Chlamydia Trachomatis - Dispareunia femminile - Dolore pelvico cronico - Fertilità / Infertilità - Malattia infiammatoria pelvica - Prevenzione primaria - Prevenzione secondaria

Stampa

© 2011 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici