Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

04/10/2018

Vestibolite vulvare e microbiota vaginale: correlazioni


Vadala M, Testa C, Coda L, Angioletti S, Giuberti R, Laurino C, Palmieri B.
Vulvovestibular syndrome and vaginal microbiome: a simple evaluation
J Clin Med Res. 2018 Sep;10(9):688-692. doi: 10.14740/jocmr3480w. Epub 2018 Jul 31.


Verificare come si modifica il microbiota vaginale nelle donne affette da vestibolite vulvare: è questo l’obiettivo dello studio condotto da Maria Vadala e collaboratori, del Dipartimento di Chirurgia Generale presso l’Università di Modena e Reggio Emilia.
La vestibolite vulvare, nota anche come sindrome vulvovestibolare o vestibolodinia provocata, è un’infiammazione cronica e multifattoriale del vestibolo vaginale.
Lo studio ha posto a confronto il microbiota batterico (Lactobacillus spp., Klebsiella spp., Gardnerella spp., Streptococcus spp.) e fungino (Candida spp., Pennicillum spp., Aspergillus spp.) delle donne affette da vestibolite con quello delle donne sane (gruppo di controllo).
Il risultato è che nelle donne colpite da vestibolite vulvare si osserva un livello significativamente inferiore di Lattobacilli e superiore di funghi.
Questo studio contribuisce a chiarire ulteriormente l’eziopatogenesi della vestibolite vulvare e suggerisce nuove strategie terapeutiche per la cura del disturbo.

top

Parole chiave:
Infiammazione - Microbiota vaginale - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico