Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

10/06/2016

Un messaggio di gratitudine dalla LOTO Onlus


Le vostre lettere alla nostra redazione


Graziottin A.
La sessualità dopo il cancro ovarico
Congresso Nazionale della LOTO Onlus su "Il tumore ovarico e l'oncologia che verrà. Il tumore ovarico, la donna e gli interventi sugli stili di vita", Bologna, 6-8 maggio 2016


Buongiorno professoressa Graziottin,
desidero ringraziarla, anche a nome del dottor Pagliaro e del dottor Zamagni, per la relazione tenuta in occasione del nostro evento del 6-8 maggio 2016, la prima rassegna nazionale LOTO per la sensibilizzazione e la lotta contro il tumore ovarico.
La sua professionalità e la sua competenza hanno contribuito al successo della manifestazione, che ha dimostrato che ci stiamo muovendo nella giusta direzione: questo darà ulteriore forza al nostro impegno.
Confidiamo di poterla avere tra i nostri relatori anche per future occasioni.
Grazie ancora e un caro saluto.
Sandra Balboni
Presidente Loto Onlus

top

Gentile dottoressa Balboni,
La ringrazio per il gentile e gradito messaggio di apprezzamento.
Sarà certamente un piacere continuare la nostra collaborazione per il bene delle donne!
Con i miei migliori saluti,
Alessandra Graziottin

top

Parole chiave:
Carcinoma dell'ovaio - Formazione medica - Ricerca scientifica

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico