Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

16/05/2013

Suicidal ideation is associated with elevated inflammation in patients with major depressive disorder


O’Donovan A, Rush G, Hoatam G, Hughes BM, McCrohan A, Kelleher C, O'Farrelly C, Malone KM.
Suicidal ideation is associated with elevated inflammation in patients with major depressive disorder
Depress Anxiety. 2013 Apr; 30 (4): 307-14. doi: 10.1002/da.22087. Epub 2013 Mar 15


Chiarire le relazioni tra infiammazione e propensione al suicidio nei pazienti affetti da depressione maggiore. E’ l’obiettivo dello studio condotto da A. O’Donovan e collaboratori, provenienti da quattro importanti istituzioni internazionali: la Scuola di Medicina dell’Università di Dublino; il Dipartimento di Psichiatria, Psicoterapia e Ricerche sulla salute mentale del St. Vincent’s University Hospital di Dublino; lo Stress and Health Research Program del San Francisco Veteran’s Affairs Medical Center; il Dipartimento di Psichiatria dell’Università della California a San Francisco.
Lo spunto della ricerca è stato fornito dalla considerazione che i pazienti affetti da depressione maggiore che tentano o realizzano il suicidio hanno spesso elevati livelli di infiammazione in confronto a coloro che, pur essendo gravemente depressi, non si suicidano o non cercano di farlo.
Per confermare questa relazione, gli Autori hanno misurato i marker infiammatori in 124 pazienti affetti da depressione maggiore con e senza elevati livelli di ideazione suicidaria, e li hanno confrontati con quelli di altrettanto controlli non depressi.
Il livello di ideazione suicidaria, la severità della depressione e gli eventuali recenti tentativi di suicidio sono stati accertati con interviste cliniche strutturate. L’infiammazione è stata invece diagnosticata attraverso un indice composito, calcolato sulla base dei livelli di quattro differenti marker: il fattore alfa di necrosi tumorale, l’interleuchina 6, l’interleuchina 10 e la proteina C-reattiva. I dati sono poi stati elaborati statisticamente, e corretti per genere ed età.
Questi, in sintesi, i risultati. Il valore dell’indice infiammatorio nei pazienti depressi con elevata ideazione suicidaria è significativamente più alto che nei controlli e nei pazienti depressi con bassa ideazione suicidaria. Per contro, gli indici infiammatori dei controlli e dei pazienti depressi con bassa ideazione suicidaria non presentano differenze significative. Le analisi di follow up, infine, indicano che le differenze registrate fra i pazienti con elevata e bassa ideazione suicidaria sono indipendenti dalla gravità della depressione e da recenti tentativi di suicidio.
Si può quindi concludere che l’ideazione suicidaria nei pazienti depressi sia associata al livello di infiammazione.

top

Parole chiave:
Depressione - Infiammazione - Suicidio

Stampa

© 2013 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico