Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

11/01/2019

Sospetto lichen vulvare: le terapie



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho 32 anni e da un mese ho un fastidioso prurito intimo esterno che purtroppo mi porta a grattarmi, con conseguente infiammazione-Non posso nemmeno sfiorare la vagina, perché mi brucia e sento fastidio. Ho usato un detergente intimo lenitivo che mi calma un po’, ma poi il prurito riprende di nuovo. Ho la visita di controllo il prossimo mese: nel frattempo potete darmi qualche consiglio? Vi ringrazio”.

top

Gentile amica, il prurito vulvare da Lei descritto potrebbe essere dovuto a lichen vulvare sclero-atrofico, una patologia cronica su base immunitaria che porta alla lichenificazione del tessuto vulvare, con perdita di elasticità tissutale dovuta alla deposizione di tessuto connettivo fibroso. La diagnosi è essenzialmente clinica: in sede di visita ginecologica si possono individuare lesioni tipiche (biancastre, coriacee), eventualmente sovrapposte a lesioni da grattamento, con progressiva riduzione del volume delle grandi labbra. Nei casi dubbi si ricorre a biopsia vulvare. In presenza di lichen la terapia si basa sull’utilizzo di preparati topici a base di cortisone e vitamina E. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Lichen vulvare - Prurito genitale

Stampa

© 2019 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico