Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

12/07/2013

Osteoporosi: non arrendetevi!




Il tempo è un “cavaliere” che ci accompagna nel corso della vita. All’inizio è un amico benigno poi, quasi all’improvviso, ci fa strani regali: pelle non più luminosa, rughe e segni intorno agli occhi e alla bocca. E poi doloretti alle articolazioni, la scioltezza e l’agilità diminuiscono. Si entra allora nella menopausa, uno stato fisico e mentale che sorprende e inquieta.
Io avevo poco più di 50 anni quando sono cominciati i primi sintomi e, volendo restare una donna attiva e in buona salute, ho deciso, dietro chiare spiegazioni della professoressa Graziottin, di seguire la terapia ormonale sostitutiva.
Tutto è proceduto senza problemi, ma non avevo fatto i conti con i risultati della MOC. La mia osteoporosi avanzava, pur facendo anche una cura di calcio. Però non ero mai andata in palestra, usavo molto l’auto e di sport non facevo quasi niente. Bene, dovevo fare qualcosa! Ho così fatto mio il consiglio della professoressa: «Camminare, muoversi, fare sport».
Mi sono iscritta a un corso di pilates, al mattino cammino per circa 3 chilometri e, quando possibile, mollo l’auto e vado a piedi. Oggi, all’ultimo controllo della MOC, ho ottenuto un miglioramento che mi ha riportato vicino ai valori normali della mia età. Piccole e facili abitudini, ma che si sono rivelate la migliore medicina. Provare per credere!
Ginevra ‘51

top

Parole chiave:
Menopausa - Osteoporosi - Sport e movimento fisico

Stampa

© 2013 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico