EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Osteoporosi: non arrendetevi!

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
12/07/2013

Le vostre lettere alla nostra redazione

Il tempo è un “cavaliere” che ci accompagna nel corso della vita. All’inizio è un amico benigno poi, quasi all’improvviso, ci fa strani regali: pelle non più luminosa, rughe e segni intorno agli occhi e alla bocca. E poi doloretti alle articolazioni, la scioltezza e l’agilità diminuiscono. Si entra allora nella menopausa, uno stato fisico e mentale che sorprende e inquieta.
Io avevo poco più di 50 anni quando sono cominciati i primi sintomi e, volendo restare una donna attiva e in buona salute, ho deciso, dietro chiare spiegazioni della professoressa Graziottin, di seguire la terapia ormonale sostitutiva.
Tutto è proceduto senza problemi, ma non avevo fatto i conti con i risultati della MOC. La mia osteoporosi avanzava, pur facendo anche una cura di calcio. Però non ero mai andata in palestra, usavo molto l’auto e di sport non facevo quasi niente. Bene, dovevo fare qualcosa! Ho così fatto mio il consiglio della professoressa: «Camminare, muoversi, fare sport».
Mi sono iscritta a un corso di pilates, al mattino cammino per circa 3 chilometri e, quando possibile, mollo l’auto e vado a piedi. Oggi, all’ultimo controllo della MOC, ho ottenuto un miglioramento che mi ha riportato vicino ai valori normali della mia età. Piccole e facili abitudini, ma che si sono rivelate la migliore medicina. Provare per credere!
Ginevra ‘51
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per professionisti

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter