Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

17/08/2018

Osteoporosi dopo menopausa precoce: anche l'osso può rigenerarsi




Sono felice di raccontare la mia storia, una storia difficile fino a tre mesi fa.
Ho 48 anni e circa 8 anni fa sono entrata in menopausa. La mia ginecologa di allora mi ha sconsigliato la terapia ormonale sostitutiva, così a 48 anni mi sono ritrovata con una gravissima forma di osteoporosi (50%). Ma non solo, mi sentivo vecchia dentro e fuori, e perennemente stanca. Ho deciso di cambiare ginecologa, e ne ho fortunatamente incontrata una molto più attenta e scrupolosa, nonché preparata, la quale, vista la mia situazione al limite, mi ha consigliato di rivolgermi alla professoressa Graziottin per provare a contrastare l’invecchiamento precoce e l’osteoporosi.
Quindi tre mesi fa ho iniziato la terapia ormonale sostitutiva, coadiuvata dall’aiuto di qualche integratore, e la mia vita ha subito preso un corso diverso. Ho anche deciso di trovare il tempo adeguato per una sana attività fisica, che aiuta l’organismo e lo spirito. Mi sento rinata, ho le energie giuste per condurre una vita piena di soddisfazioni, cammino all’aria aperta e vado in piscina, l’umore è sempre ottimo e ho molta meno paura di fratturarmi al minimo movimento non convenzionale. Fra cinque mesi devo eseguire una densitometria ossea computerizzata di controllo per verificare lo stato delle mie ossa: sono fiduciosa.
Voglio tornare dalla professoressa Graziottin con un grande sorriso, come lei insegna durante le sue visite piene di ottimismo.

top

Parole chiave:
Astenia - Menopausa precoce/anticipata spontanea - Osteoporosi - Rapporto medico-paziente - Sport e movimento fisico - Stanchezza cronica - Terapia ormonale sostitutiva

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico