Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

12/03/2020

Neuropatia periferica: principi di terapia


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


“Da circa sei mesi soffro di neuropatia periferica alla colonna vertebrale a causa di un forte stiramento della gamba provocato dal mio fisioterapista (che tra l'altro è fisiatra), per cui sono costretto a dormire su una poltrona letto. Lo stesso fisioterapista da circa tre mesi mi sta facendo assumere delle compresse a base di L-acetilcarnitina, e ultimamente, notando che la guarigione è molto lenta, mi ha detto di assumere anche delle compresse di acido alfa lipoico da 600 mg. Posso associare questi due farmaci? Aggiungo che ho 85 anni appena compiuti e soffro anche di artrite reumatoide da circa 18 anni. Grazie anticipate per la Sua risposta e disponibilità. Cordialmente”.
Giovanni

top

Gentile signor Giovanni, mi scuso per il ritardo con cui le rispondo, dovuto all’enorme quantità di mail che la mia Fondazione riceve. L’acido alfa lipoico (ALA) da 300 o 400 milligrammi, due volte al giorno, è raccomandato dalle linee guida internazionali per la cura della neuropatia periferica, e può essere utilizzato in piena sicurezza anche per periodi superiori ai quattro anni. Ha un benefico effetto a livello antinfiammatorio e antalgico, e contribuisce a rallentare la neurodegenerazione dei tessuti. Può essere utilmente associato a integratori come la L-acetilcarnitina.
Suggerirei di chiedere al suo medico se aggiungere:
- vitamina D, per esempio 50.000 UI/mL per bocca con pezzetto di grana o cucchiaino d’olio, in quanto potenzia l’azione dell’acido alfa-lipoico, oltre a ridurre il rischio di perdita di osso (“osteopenia”) e di perdita muscolare (“sarcopenia”) dovuta alla forzata e protratta riduzione della mobilità;
- vitamina C (1 grammo al dì, al mattino) indispensabile per la sintesi del collagene;
- vitamina B12 5000 UI intramuscolo, due volte la settimana per due settimane, poi 1 alla settimana per un altro mese, per aiutare la riparazione delle fibre nervose.
Attenzione: anche gli integratori vanno assunti dopo un’attenta valutazione clinica e su prescrizione del medico curante, che conosce bene la sua situazione di salute complessiva. Una regola che vale per tutti noi.
Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Acido alfa-lipoico (ALA) - L-acetilcarnitina - Neuropatia periferica

Stampa

© 2020 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico