Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

16/08/2012

Interrelationship of depression, stress and inflammation in cancer patients: a preliminary study


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


Archer JA, Hutchison IL, Dorudi S, Stansfeld SA, Korszun A.
Interrelationship of depression, stress and inflammation in cancer patients: a preliminary study
J Affect Disord. 2012 Jul 30. [Epub ahead of print]


La depressione è un disturbo molto comune tra le persone affette da cancro e ne compromette notevolmente la qualità di vita. Essa inoltre, così come lo stress, è clinicamente associata ad un aumento dei livelli dei marker infiammatori. A partire da queste premesse J.A. Archer e collaboratori, dell’Università di Londra, studiano il ruolo dei traumi infantili, degli eventi esistenziali recenti e dei livelli dei marker infiammatori nella patogenesi della depressione maggiore successiva alla chirurgia oncologica.
Novanta pazienti oncologici (56 colpiti alla testa e al collo, 34 al colon-retto) hanno compilato la Hospital Anxiety and Depression Scale (HADS) nei seguenti momenti:
- prima dell’operazione;
- 6, 12 e 24 settimane dopo l’intervento.
E’ stato inoltre effettuato un prelievo di sangue prima dell’operazione, e una e 6 settimane dopo l’intervento, per misurare i livelli di proteina C-reattiva (C-reactive protein, CRP) e di citochine proinfiammatorie.
Questi, in sintesi, i risultati:
- i traumi infantili e gli eventi esistenziali recenti costituiscono un fattore di rischio per più elevati livelli di sintomi depressivi;
- nei pazienti colpiti da carcinoma del colon-retto, i livelli iniziali di CRP sono associati con i sintomi depressivi a sei (p=0.008) e 12 settimane (p=0.038);
- i livelli di molecole infiammatorie sono persistentemente più alti per periodi di tempo più lunghi, anche dopo aver corretto i dati per tutte le variabili specificamente correlate al cancro;
- i traumi infantili sono positivamente associati ai livelli di TNFα e CRP nei pazienti colpiti da carcinoma del colon-retto.
Con tutte le cautele dovute alla limitatezza numerica del campione preso in esame, gli Autori sottolineano come l’aumento dei livelli dei mediatori dell’infiammazione possa costituire un significativo fattore di rischio per la depressione nei pazienti colpiti da carcinoma del colon-retto, e meriti quindi di essere preso in considerazione come potenziale target della terapia. I dati dello studio pilota sembrano inoltre confermare le più recenti acquisizioni sugli effetti a lungo termine degli eventi traumatici dell’infanzia sulla salute in età adulta.
Questo articolo, in sintesi, suggerisce due spunti di riflessione cardinali:
1) da un lato, come lo stress biologico, per la cronica attivazione del corticotrophin releasing pathway (CRP), ossia della via endocrina di adattamento allo stato di emergenza psichica e/o fisica, caratterizzato dall’aumento di cortisolo e adrenalina causato da traumi infantili, possa determinare un aumento persistente di molecole infiammatorie che a loro volta aumentano la vulnerabilità alla depressione successiva;
2) dall’altro, come la diagnosi di tumore e le cure correlate causino un aumento di molecole infiammatorie, responsabili della componente biologica della depressione; tale aumento è maggiore e più prolungato in chi abbia avuto traumi infantili. Come se la prima esperienza di stress psicofisico significativo e di attivazione della produzione di molecole infiammatorie costituisse un “imprinting”, una memoria biologica di allarme, che porta l’organismo a iper-rispondere a gravi eventi biologici e psichici successivi, quale è la diagnosi e la cura di un tumore.

top

Parole chiave:
Carcinoma del colon-retto - Depressione - Infiammazione - Stress personale - Traumi infantili

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico