Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

07/01/2016

Dolore clitorideo: caratteristiche cliniche e impatto sulla vita quotidiana


Parada M, D'Amours T, Amsel R, Pink L, Gordon A, Binik YM.
Clitorodynia: a descriptive study of clitoral pain
J Sex Med. 2015 Aug; 12 (8): 1772-80. doi: 10.1111/jsm.12934. Epub 2015 Jun 23.


Descrivere le caratteristiche cliniche del dolore clitorideo (noto anche come clitoralgia o clitoridinia), verificarne l’impatto sulla vita quotidiana e sulla funzione sessuale, e stabilire se si tratti o meno di un sintomo univoco: è questo l’obiettivo dello studio condotto dal Dipartimento di Psicologia della McGill University di Montreal, e dal Wasser Pain Management Centre presso il Mt. Sinai Hospital a Toronto, Canada.
La clitoralgia è classificata come un sottotipo di vulvodinia localizzata, ma la conoscenza del disturbo è ancora molto limitata.
La ricerca ha coinvolto 126 donne affette da dolore clitorideo, alle quali è stato chiesto di rispondere a un questionario on line mirato a raccogliere e valutare:
- i dati demografici delle pazienti;
- le caratteristiche descrittive del dolore (intensità, durata, qualità, livello di stress correlato);
- l’impatto del dolore sulle attività quotidiane;
- la qualità della funzione sessuale (attraverso il Female Sexual Function Index);
- l’anamnesi medica e ginecologica.
Questi i principali risultati:
- la clitoridinia è caratterizzata da episodi dolorosi frequenti e intensi, che possono essere sia provocati sia non provocati;
- il dolore impatta in modo significativo sulla vita quotidiana e sulla funzione sessuale;
- il dolore può essere localizzato solo sul clitoride, o manifestarsi insieme ad altre forme di dolore genitale;
- la comorbilità con altre patologie caratterizzate da dolore cronico è frequente;
- l’analisi dei dati suggerisce che esistano due distinte tipologie di dolore clitorideo, una localizzata e una generalizzata, ciascuna con caratteristiche proprie e con un diverso impatto sul vissuto soggettivo del dolore stesso.
Questo studio è prezioso perché dimostra come le donne affette da clitoralgia soffrano di un dolore molto significativo, altamente stressante e spesso a lungo termine, che interferisce negativamente con tutte le attività della vita. E’ quindi importante che il ginecologo ne conosca le caratteristiche cliniche in modo da arrivare a una diagnosi rapida e corretta, e impostare una terapia efficace.

top

Parole chiave:
Clitoridinia / Clitoralgia / Dolore clitorideo - Funzione sessuale femminile - Qualità della vita - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico