Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

27/02/2015

Dispareunia profonda: le possibili cause



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Soffro di dolori acuti alla penetrazione profonda. Sono stata da più ginecologi che mi hanno prescritto integratori alimentari. Un altro medico ha deciso di farmi fare una laparoscopia, pensando di trovare un’endometriosi, ma è risultato tutto negativo. Sono giovane, ho solo 32 anni, e sono davvero stanca di sentirmi dire che «non c’è nulla» e che mi devo «tenere il dolore»: se potessi scoprire cosa c’è, avrei delle risposte e forse si potrebbe trovare un rimedio. Spero con tutta me stessa che voi possiate aiutarmi… Grazie”.
Roberta

top

Gentile amica, la dispareunia profonda (dolore sessuale in sede profonda) può riconoscere diverse cause, tra cui meritano di essere sempre valutate l’endometriosi pelvica (nel suo caso esclusa in sede di laparoscopia), la malattia infiammatoria pelvica (valutabile mediante ecografia ginecologica transvaginale e positività degli indici infiammatori), il varicocele pelvico (diagnosticabile anch’esso con ecografia ginecologica transvaginale) e il dolore pelvico cronico. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Dispareunia - Dolore ai rapporti - Dolore pelvico cronico - Malattia infiammatoria pelvica - Varicocele pelvico

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico