Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

28/06/2012

Chronic female pelvic pain - part 2: differential diagnosis and management


Nelson P, Apte G, Justiz R 3rd, Brismeé JM, Dedrick G, Sizer PS Jr.
Chronic female pelvic pain - part 2: differential diagnosis and management
Pain Pract. 2012 Feb;12(2):111-41. doi: 10.1111/j.1533-2500.2011.00492.x.


Le tradizionali modalità di trattamento del dolore pelvico cronico prendono in considerazione le condizioni biomediche della paziente, con un variabile tasso di successo.
Nel loro lavoro, P. Nelson e collaboratori, della Eastern Washington University (USA), delineano un approccio sistematico all’esame della regione pelvica e agli organi in essa contenuti, che può aiutare il clinico a identificare con sicurezza le strutture interessate dal dolore, così come le condizioni di compromissione che ne limitano il recupero funzionale. A partire da ciò, si può poi istituire un completo programma di cura.
Lo studio, in particolare, descrive:
- le condizioni ginecologiche, urologiche, gastrointestinali, muscolo-scheletriche e neurologiche che possono causare o associarsi al dolore pelvico cronico;
- una serie di proposte terapeutiche conservative basate sulle evidenze attualmente disponibili;
- alcune strategie di intervento sul sistema del dolore fondate su una prospettiva cognitiva comportamentale.
L’aspetto più importante del lavoro è di sottolineare la necessità di una diagnosi rigorosa, biomedica, attenta a tutte le cause biologiche, fisiche, che possono contribuire al dolore pelvico.
Questo presuppone che il medico metta al centro della sua attività diagnostica una semeiotica rigorosissima, attenta quindi ai sintomi che la paziente riferisce (con diario del dolore e caratteristiche del dolore stesso) e ai segni che può evidenziare con un altrettanto rigoroso e dettagliato esame obiettivo. Esame volto ad evocare il dolore che la donna avverte così da riconoscerne le radici, le cause, le irradiazioni, il possibile coinvolgimento di più organi e tessuti. Questo presuppone una grande preparazione di tipo internistico, oltre che ginecologico; un impegno continuo di studio e aggiornamento; la dedizione a ridurre veramente il dolore, dando non solo un aiuto competente dal punto di vista clinico, ma anche una presenza capace di conforto dal punto di vista umano.
Purtroppo questi aspetti sono spesso carenti nella pratica medica e di questo si lamentano molte pazienti affette da dolore cronico.
Per questo la Fondazione Graziottin è massimamente impegnata sul fronte didattico per formare al meglio medici e psicoterapeuti, così da migliorare sia le capacità diagnostiche in chiave multidisciplinare, sia le capacità terapeutiche, sul fronte del dolore e dell’aiuto psicoemotivo.

top

Parole chiave:
Diagnosi differenziale - Dolore pelvico cronico - Terapia antalgica

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico