Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

12/07/2012

Acne, come affrontarla a livello ormonale


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Mi chiamo Laura, ho 23 anni, e da due mesi ho iniziato a prendere un integratore alimentare per regolarizzare il ciclo, e soprattutto per ridurre la peluria che ho sul viso e che mi crea tanto imbarazzo. Il problema è che mi è comparsa anche una forte acne, che mi rende il volto tanto infiammato. L’acne ero riuscita a ridurla da novembre dell’anno scorso con l’uso, per 6 mesi, di una pillola contraccettiva a base di ciproterone acetato ed etinilestradiolo: al massimo compariva qualche brufolo solo nel periodo mestruale. Non so se questa improvvisa ricomparsa dell’acne sia dovuta all’uso dell’integratore alimentare o semplicemente all’ansia degli ultimi esami che devo sostenere per potermi laureare. Cosa dovrei fare? Dovrei sospendere l’uso dell’integratore? E come posso risolvere il mio problema? Grazie per il vostro aiuto”.
Laura G.

top

Gentile Laura, l’integratore alimentare che assume è a base di D-chiroinositolo, acido folico, vitamina B12 e manganese. Il D-chiroinositolo è in grado di legarsi al recettore per l’insulina presente sulle cellule ed è per questo che viene utilizzato nella cura della policistosi ovarica (PCOS) e della sindrome metabolica ad essa associata (insulino resistenza, ipercolesterolemia, ipertensione).
La somministrazione di questo composto in donne con PCOS determina una riduzione dei valori di insulina, trigliceridi e colesterolo, regola la funzionalità ovarica e porta a una riduzione dei livelli ematici di testosterone, migliorando l’irsutismo e l’acne tipiche di questa condizione. Per cui riteniamo che non sia l’integratore alla base dell’acne di cui soffre. Valuti con il suo ginecologo curante la possibilità di associare un preparato estro-progestinico con attività antiandrogenica.
In bocca al lupo per i suoi esami!

Per saperne di più:
Nestler JE, Jakubowicz DJ, Reamer P, Gunn RD, Allan G.
Ovulatory and metabolic effects of D-chiro-inositol in the polycystic ovary syndrome
N Engl J Med. 1999 Apr 29; 340 (17): 1314-20

top

Parole chiave:
Acne - Ginecologia - Sindrome della policistosi ovarica - Testosterone

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico