Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

07/05/2018

Terapia antalgica nel dolore vulvare


Vincenti E.
Terapia antalgica nel dolore vulvare
Graziottin A. Murina F. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Il dolore vulvare dall'A alla Z: dall'infanzia alla post-menopausa", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 7 aprile 2017, p. 100-107


I blocchi nervosi periferici con anestetico locale effettuati nell’area pelvico-perineale consentono di ampliare e potenziare le strategie terapeutiche in caso di dolore vulvare di tipo neuropatico persistente (vulvodinia, vestibolodinia provocata, clitoridodinia).
L’anestesista esperto in terapia antalgica può così validamente intervenire nella strategia terapeutica per aiutare la donna a superare un dolore profondo, persistente e inquietante, per riscoprire la bellezza della vita senza più dolore intimo.

top

Articoli correlati:

Medical Channel

14/05/2018 - Terapia antalgica nel dolore vulvare

Parole chiave:
Analgesia / Anestesia - Clitoridinia / Clitoralgia / Dolore clitorideo - Dolore neuropatico - Dolore vulvare - Vulvodinia - Iperalgesia - Terapia antalgica - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici