Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

14/05/2012

Sindrome premestruale: inquadramento e prospettive terapeutiche


Franca Fruzzetti
Sindrome premestruale: inquadramento e prospettive terapeutiche
Congresso Regionale (Emilia Romagna) dell'Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) - Associazione Ginecologi Territoriali (AGITE) - Federazione Nazionale Collegi Ostetriche (FNCO), Simposio su “Il ginecologo e le sindromi dolorose mestruali”, organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna – Onlus, Modena, 29-31 marzo 2012


La sindrome premestruale (PMS) definisce il complesso di sintomi, sia fisici, sia psicologici, che compaiono ciclicamente e ripetutamente durante la fase luteinica del ciclo mestruale e scompaiono con la comparsa del flusso mestruale1. Circa il 20-40% delle donne in età fertile manifesta la PMS con ripercussioni negative sulla vita quotidiana, personale e relazionale. Se la PMS è di lieve entità possono essere utilizzate terapie non farmacologiche quali complessi vitaminici e magnesio, associati ad una variazione dello stile di vita. Per i casi più gravi si ricorre alla terapia farmacologica, che comprende contraccettivi ormonali e farmaci ad azione sul SNC, quali gli SSRI.

top

Parole chiave:
Antidepressivi - Disturbi dell'umore - Ginecologia - Sindrome premestruale - Stili di vita - Terapia contraccettiva

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici