Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Audio stream

Condividi su
Stampa

11/07/2009

Artrosi: sintomi, segni, eziologia e prevenzione



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


A cura di Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Artrosi: sintomi, segni, eziologia e prevenzione

Scarica l'intervista:
Artrosi: sintomi, segni, eziologia e prevenzione
(2.686 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Dolore alle mani, ai piedi, alle ginocchia, alle anche, alle piccole articolazioni. E poi rigidità, difficoltà di movimento, e una progressiva deformazione che lede non solo le strutture colpite, ma anche l’immagine corporea e il senso di femminilità. Sono i sintomi prevalenti dell’artrosi, un processo degenerativo di natura infiammatoria che, poco per volta, distrugge tutte le componenti delle articolazioni. Il disturbo, sino ai cinquant’anni, interessa in egual misura uomini e donne: ma, dopo la menopausa, il numero di donne affette cresce rapidamente, sino al triplo della popolazione maschile di pari età.
Nonostante sia la più frequente malattia articolare, l’artrosi femminile è stata a lungo sottovalutata, per l’assenza di un dialogo interdisciplinare fra ginecologi e reumatologi. Negli ultimi anni, però, grazie ai questionari validati somministrati alle donne in menopausa, si è scoperto che il dolore articolare è, per intensità e frequenza, il sintomo menopausale più grave dopo le vampate di calore: un dato che ha finalmente consentito di porre in connessione le due condizioni, e di mettere a punto strategie preventive e terapeutiche agenti sulle cause prime dell’infiammazione.
Quali sono, in dettaglio, i sintomi e i segni dell’artrosi? Perché compare soprattutto nelle donne in menopausa? Che cosa si può fare per arrestarne, o almeno rallentarne, il decorso?
In questa intervista illustriamo:
- i sintomi dell’artrosi: dolore articolare; rigidità, soprattutto al risveglio; difficoltà crescente di movimento; progressiva deformazione delle strutture colpite;
- i segni emergenti dalla visita medica: crepitio, calore e instabilità articolare; debolezza muscolare; dolore elettivo alle giunzioni delle articolazioni;
- i principali fattori eziologici del processo degenerativo: predisposizione genetica (25% dei casi); traumi e microtraumi accidentali o sportivi; carenza estrogenica conseguente alla menopausa;
- perché gli estrogeni sono importanti per la salute delle articolazioni, e quali danni provocano le loro fluttuazioni;
- il ruolo del “polimorfismo” dei recettori estrogenici nell’aggravare, a parità di altre condizioni, la vulnerabilità al disturbo;
- come una terapia ormonale sostitutiva su misura possa attenuare i sintomi e la progressione della malattia;
- la necessità di integrare l’azione dei farmaci con il movimento fisico graduale e regolare (passeggiate, nuoto, ginnastica in acqua, stretching) e il controllo del peso (soprattutto nel caso di artrosi al ginocchio);
- perché il movimento è indispensabile per proteggere le articolazioni e potenziare l’azione dei farmaci.

top

Parole chiave:
Artrosi - Dolore articolare - Estrogeni - Fattori predisponenti - Ginecologia - Infiammazione - Menopausa - Peso corporeo - Prevenzione - Semeiotica - Sport e movimento fisico - Terapia ormonale sostitutiva

Stampa

© 2009 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Audio stream