EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Stanchezza cronica correlata alla menopausa: nuovi orizzonti di cura

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
10/09/2015

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Meyer F, Freeman MP, Petrillo L, Barsky M, Galvan T, Kim S, Cohen L, Joffe H.
Armodafinil for fatigue associated with menopause: an open-label trial
Menopause. 2015 Jun 29. [Epub ahead of print]
Ottenere dati preliminari di efficacia sull’impiego dell’armodafinil nella cura della stanchezza cronica (fatigue) correlata alla menopausa e nel conseguente miglioramento della qualità di vita: è questo l’obiettivo dello studio di F. Meyer e collaboratori, del Dipartimento di Psichiatria del Brigham and Women’s Hospital di Boston, Stati Uniti.
L’armodafinil è uno stimolante del sistema nervoso centrale impiegato per la terapia della narcolessia e di altri disturbi del sonno. La sperimentazione ha coinvolto inizialmente 29 donne, di età compresa fra i 40 e i 65 anni, alle quali sono stati somministrati in modalità open-label fino a 150 mg al giorno di armodafinil per 4 settimane. I risultati sono stati valutati attraverso i punteggi ottenuti con due distinti questionari:
- il “Brief Fatigue Inventory”;
- la sezione fisica del “Menopause-Specific Quality of Life” (MENQOL).
In particolare, sono stati studiati gli effetti dell'armodafinil sulle vampate di calore, sull’insonnia, sulla depressione, sull’ansia, sulle performance cognitive autopercepite e sulla qualità di vita complessiva.
La somministrazine open-label è stata seguita da un ulteriore trattamento randomizzato a doppio cieco contro placebo di 2 settimane.
Venti donne (69%) hanno completato il trial. Questi, in sintesi, i risultati ottenuti durante il trattamento (dose media, 120 mg/giorno):
- il punteggio mediano registrato con il Brief Fatigue Inventory è sceso nel 57.7% dei casi da 5.2 (scarto interquartile [interquartile range, IQR], 4.6-6.2) a 2.2 (IQR, 1.1-4.4; P = 0.0002);
- il punteggio mediano registrato con la MENQOL è sceso nel 51.3% dei casi da 3.9 (IQR, 2.3-4.8) a 1.9 (IQR, 1.3-2.7; P = 0.0001);
- la frequenza mediana delle vampate di calore nelle 24 ore è scesa nel 48.3% dei casi da 2.9 (IQR, 1.1-4.6) a 1.5 (IQR, 0.4-2.4; P = 0.0005);
- sono stati inoltre notati miglioramenti nel punteggio totale ottenuto con la MENQOL (49%; P = 0.0001), nella funzione cognitiva (59.2%; P = 0.0002), nei sintomi depressivi (64.7%; P = 0.0006), nell’insonnia (72.7%; P = 0.0012) e nell’eccessiva sonnolenza (57.1%; P = 0.0006);
- la continuazione (n=10) o l’interruzione (n=10) randomizzate non hanno fatto registrare differenze nei valori registrati;
- l’armodafinil risulta essere ben tollerato: tre donne (12%) si sono ritirate dalla sperimentazione per eventi avversi.
Questi risultati preliminari, concludono gli Autori, suggeriscono come l’armodafinil possa avere un effetto terapeutico sulla fatigue e su altri sintomi correlati alla menopausa. C’è però da sottolineare come il mancato rilevamento di esiti differenti nella fase randomizzata a doppio cieco contro placebo costituisca un punto critico che merita di essere approfondito con ulteriori e più ampi trial.
Parole chiave di questo articolo
Sullo stesso argomento per professionisti
Potrebbero interessarti anche

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter