EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Provoked vestibulodynia, medical factors and comorbidity associated with treatment outcome

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
27/03/2014

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Heddini U, Bohm-Starke N, Nilsson KW, Johannesson U.
Provoked vestibulodynia, medical factors and comorbidity associated with treatment outcome
J Sex Med. 2012 May; 9 (5): 1400-6. doi: 10.1111/j.1743-6109.2012.02665.x. Epub 2012 Feb 29
La vestibolodinia provocata, nota anche come vestibolite vulvare, è la più frequente causa di dispareunia nelle donne giovani. La sua eziologia, però, non è del tutto chiara, anche se è fuori discussione il ruolo che in essa gioca l’infiammazione, ed è tuttora difficile predire con sicurezza l’esito delle terapie. L’obiettivo dello studio di Ulrika Heddini e collaboratori, del Karolinska Institutet di Stoccolma, Svezia, è quello di identificare i fattori medici associati all’esito delle terapie e al dolore coitale.
Lo studio ha coinvolto 70 donne curate per vestibolodinia provocata. In particolare:
- il dolore coitale è stato misurato con una scala analogica visuale graduata da 0 a 100;
- lo screening psicometrico è stato condotto utilizzando la Anxiety and Depression Scale adottata dall’Istituto;
- la soglia del dolore alla pressione sul braccio, sulla gamba e sul vestibolo vulvare è stata misurata con specifici algoritmi.
Questi, in sintesi, i risultati:
- il miglioramento più marcato dei sintomi o la completa guarigione sono più probabili nelle pazienti con un massimo di due disturbi caratterizzati da dolore (inclusa la vestibolodinia) rispetto a quelle con quattro patologie o più (OR 7.8, CI 1.2-49.4, P = 0.03);
- il numero di altre comorbilità dolorose (P < 0.01) e la diagnosi di vestibolodinia primaria (P = 0.04) sono direttamente correlate al punteggio ottenuto sulla scala analogica visuale del dolore;
- le donne colpite da vestibolodinia secondaria presentano un più elevato tasso di miglioramento/guarigione di quelle con vestibolodinia primaria (z = 2.11, P = 0.04).
Il positivo esito delle terapie, concludono gli Autori, è più probabile nelle pazienti con un minor numero di comorbilità caratterizzate da dolore. Inoltre, il numero di tali comorbilità è associato all’intensità del dolore coitale. I dati emersi dallo studio, infine, indicano che le terapie sono meno efficaci in caso di vestibolodinia primaria.
Questi risultati possono essere interpretati alla luce dell’infiammazione prima locale e poi sistemica che caratterizza la patologia, e il cui grado correla positivamente con:
- l’intensità del dolore coitale;
- il numero di comorbilità caratterizzate da dolore associate alla vestibolodinia provocata;
- le probabilità di un miglioramento netto o di una completa guarigione
Tutto ciò conferma che l’intervento sull’infiammazione costituisce il più importante pilastro della terapia e il fattore più rilevante di remissione dei sintomi.
Potrebbero interessarti anche

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter