Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

20/06/2014

Pillola naturale e assenza del ciclo: le possibili cause



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho 45 anni e per un anno circo ho assunto una pillola con estradiolo e dienogest. Ma ai primi di aprile non ho avuto le mestruazioni (consideri che le precedenti erano comunque piuttosto scarse e quasi indolori). Ho aspettato dieci giorni, ricominciando una nuova confezione; visto che però non mi venivano, ho fatto un test di gravidanza che è risultato negativo; poi, di mia iniziativa, ho interrotto l’assunzione della pillola al decimo giorno, il 17 aprile. Il 30 aprile ho fatto una visita ginecologica: a detta del medico, non c’è nulla di anomalo se non un endometrio piuttosto sottile. Ma le mestruazioni comunque non sono arrivate e il mio seno è turgido e un po’ dolorante da diversi giorni. A volte, soprattutto verso sera, ho dei fastidi al basso ventre come quando avevo le mestruazioni. Da cosa potrebbe dipendere? C'è qualcosa che posso fare? Il medico mi ha detto che avrei dovuto completare la confezione della pillola: mi ha consigliato di aspettare e poi di non prendere più la pillola, ma piuttosto, alla mia età, di mettere la spirale (idea che, onestamente, non mi piace). Ci sono analisi che si possono fare o prodotti (preferibilmente naturali) che si possono assumere?”.
Sonia M.

top

Gentile Sonia, la pillola con estrogeno naturale (estradiolo) e dienogest può essere associata alla non comparsa del ciclo nel periodo previsto, in quanto determina una proliferazione molto scarsa dell’endometrio (il tessuto più interno dell’utero che si sfalda con la mestruazione) a causa del tipo di ormoni in essa contenuti. La sua “naturalità”, peraltro, la rende l’unico preparato estro-progestinico scientificamente dimostrato sicuro ed efficace fino al cinquantesimo anno di età.
E’ probabile che la mancata mestruazione sia da associarsi anche ad iniziali alterazioni ormonali della premenopausa. Il seno turgido e dolorante fa pensare che vi sia una attività ovarica in corso: dato che il ginecologo ha già fatto l’ecografia e visto l’endometrio sottile, il suggerimento è di assumere un progestinico (come il nomegestrolo o il noretisterone acetato) per 12 giorni. Se compare il flusso, sospenda e, in terza giornata dall’inizio della mestruazione, chieda al medico di farle fare per cortesia il dosaggio degli ormoni FSH, LH, prolattina e degli ormoni tiroidei. Sarà così possibile valutare possibili cofattori ormonali premenopausali del blocco mestruale.
Se indicassero un’iniziale transizione, potrà poi riprendere la pillola al primo giorno del flusso successivo e continuare ad assumerla serenamente, se non compariranno controindicazioni, fino ai 50 anni, così da non avere sintomi premenopausali!
Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Amenorrea primaria e secondaria - Pillola all'estradiolo e dienogest

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico