Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

02/02/2017

Perdite e dolore ovulatorio: accertamenti preliminari in vista della terapia


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho 39 anni e da qualche tempo, nel periodo dell’ovulazione, ho perdite filamentose bianche e poi marroncine di durata sempre maggiore, con dolore al ventre. Poi s’interrompono e arriva la mestruazione, sempre nel giorno esatto o con un leggero anticipo. Mi chiedo il perché di queste perdite e se ciò possa influenzare negativamente la possibilità di una gravidanza”.

top

Gentile amica, alla base dello spotting e del dolore ovulatorio ci sono diverse cause, per cui è opportuno effettuare un’ecografia ginecologica transvaginale (al fine di valutare l’endometrio, lo strato più interno dell’utero, nonché la possibile presenza di polipi endometriali e cisti ovariche) e dei dosaggi ormonali specifici da eseguirsi in terza-quarta giornata del ciclo (FSH, LH, estradiolo, PRL, TSH).
In base al risultato di questi accertamenti diagnostici si potrà impostare una terapia mirata, volta a risolvere il sintomo e, in aggiunta, a preparare il terreno ideale per un futuro concepimento.
Per ulteriori approfondimenti la rimandiamo ai link sotto indicati. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Dolore ovulatorio - Ginecologia - Spotting

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico