Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

21/04/2017

Endometriosi: prevenzione delle recidive



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Sono stata operata in laparoscopia per asportazione di una cisti endometriosica di 4 centimetri. Ora vorrei progettare una gravidanza. Essendo risultata positiva al test degli anticorpi anti-nucleo, cosa mi consigliate di fare dopo per evitare recidive? Posso assumere la mini-pillola? Grazie”.

top

Gentile amica, la presenza di anticorpi antinucleo non rappresenta una controindicazione all’assunzione di preparati estro-progestinici o progestinici, a differenza della positività agli anticorpi anti-cardiolipina: infatti, la presenza di questi secondi anticorpi sarebbe di per sé legata a un aumento del rischio trombotico, che aumenta considerevolmente nel caso di assunzione di terapia ormonale.
Per cui, in assenza di altre controindicazioni, nel suo caso è consigliata l’assunzione di preparati estroprogestinici o progestinici per il controllo dell’endometriosi e delle sue conseguenze. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Endometriosi - Rischi cardiovascolari - Terapia contraccettiva

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico