Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

10/05/2018

Dismenorrea primaria: potenziale terapeutico del movimento fisico


Matthewman G, Lee A, Kaur JG, Daley AJ.
Physical activity for primary dysmenorrhea: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials
Am J Obstet Gynecol. 2018 Apr 6. pii: S0002-9378(18)30278-3. doi: 10.1016/j.ajog.2018.04.001. [Epub ahead of print]


Verificare l’efficacia dell’attività fisica nella cura della dismenorrea primaria: è questo l’obiettivo dello studio di G. Matthewman e collaboratori, dell’Università di Birmingham, Inghilterra.
La dismenorrea primaria è un dolore addominale crampiforme associato alle mestruazioni e non correlato ad alcuna patologia organica. Ha un’elevata prevalenza, impatta pesantemente sulla qualità di vita e può causare frequenti assenze da scuola e dal lavoro. Benché esistano trattamenti medici basati sull’evidenza, le donne spesso non possono o non desiderano assumere farmaci. Il movimento fisico è raccomandato dai medici, come terapia alternativa, sin dagli anni Trenta, ma non c’è ancora un’evidenza di alta qualità che ne confermi la reale efficacia.
Lo studio è stato condotto sui database Medline, Embase, Cochrane, Web of Science, CINAHL, PsycINFO, SPORTDiscus, PEDro, AMED, WHO ICTRP, Clinicaltrials.gov e OpenGrey, dalla loro creazione al maggio 2017, e ha permesso di identificare 15 trial randomizzati controllati per un totale di 1681 partecipanti. Sono stati selezionati, in particolare, gli studi condotti su donne che hanno svolto attività fisica non agonistica per almeno due cicli completi. L’efficacia dell’intervento è stata misurata in termini di intensità e durata del dolore. Nella meta-analisi finale sono stati inclusi gli 11 studi più attendibili.
I risultati raggruppati indicano che l’attività fisica riduce sia l’intensità (-1.89 cm su Scala Analogica Visuale, 95% CI -2.96 / -1.09) sia la durata del dolore (-3.92 ore, 95% CI -4.86 / -2.97). Il limite di questa indicazione sta nell’eterogeneità dei dati e nella qualità non elevatissima degli studi presi in considerazione.
I medici possono dunque informare le donne che l’attività fisica può contribuire alla cura della dismenorrea primaria, ma anche che occorrono ulteriori studi di alta qualità per confermarlo appieno.

top

Articoli correlati:

Flash dalla ricerca medica internazionale

15/10/2015 - Dismenorrea primaria: che cosa sappiamo

Parole chiave:
Dismenorrea - Sport e movimento fisico

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico