EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Constipation severity is associated with productivity losses and healthcare utilization in patients with chronic constipation

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
10/07/2014

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Neri L, Basilisco G, Corazziari E, Stanghellini V, Bassotti G, Bellini M, Perelli I, Cuomo R; LIRS Study Group.
Constipation severity is associated with productivity losses and healthcare utilization in patients with chronic constipation
United European Gastroenterol J. 2014 Apr; 2 (2): 138-47. doi: 10.1177/2050640614528175
Valutare la correlazione fra severità della stipsi, perdite di produttività e ricorso alle strutture sanitarie in un campione di pazienti italiani affetti da stipsi cronica non organica (CC): è questo l’obiettivo dello studio di L. Neri (Dipartimento di Scienze Cliniche e di Comunità, Università di Milano) e collaboratori. Del gruppo di lavoro ha fatto parte anche il professor Vincenzo Stanghellini, del Dipartimento di Medicina Clinica dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna.
La stipsi cronica non organica è una patologia che interessa il 9-15% della popolazione: tuttavia, solo una piccola parte dei pazienti si rivolge alle strutture di terzo livello, spesso dopo anni di auto-terapie insoddisfacenti e numerose consultazioni mediche. La CC è caratterizzata da defecazione difficoltosa, da una persistente sensazione di evacuazione incompleta e dalla resistenza ai trattamenti. La qualità di vita è compromessa in funzione della gravità dei sintomi. Le evidenze mostrano inoltre come la CC condizioni negativamente la produttività lavorativa e il ricorso alla strutture sanitarie, il che si traduce in elevati costi diretti e indiretti per la persona e il sistema Paese.
Gli studi sinora sviluppati confrontano i pazienti affetti e quelli sani, offrendo quindi un quadro poco realistico dei risparmi ottenibili con la terapia: è noto infatti come i trattamenti più efficaci consentano di alleviare i sintomi, ma raramente una completa guarigione. Inoltre, non è chiaro se il costo della CC possa dipendere anche da fattori confondenti come comorbilità, fattori sociodemografici, stili di vita e variabili psicologiche.
La ricerca è stata condotta su 878 pazienti, arruolati da settembre a dicembre 2011 nell’ambito del progetto Laxative Inadequate Relief Survey (LIRS). I criteri seguiti per l’inclusione nello studio sono quelli previsti dal protocollo Rome III.
I dati demografici e clinici sono stati raccolti durante la visita. I partecipanti hanno inoltre completato un questionario composto dai seguenti moduli:
- Patient Assessment of Constipation-Symptoms (PAC-SYM), questionario in 12 punti che accerta la presenza e la gravità dei sintomi correlati alla stipsi. Il punteggio viene assegnato attraverso una scala di Likert in 5 livelli (0=assente; 4=molto severo);
- Patient Assessment of Constipation-Quality of Life (PAC-QoL), questionario in 28 punti che valuta l’impatto della stipsi sulla dimensione sociale, fisica e psicologica della qualità della vita;
- RAND SF-12, questionario in 12 punti che misura la percezione che il paziente ha della propria salute fisica e mentale;
- Symptom Check List-90 Revised (SCL-90R) Somatization Scale: articolata in 12 punti, verifica la propensione del paziente ad amplificare l’intensità e il significato delle sensazioni fisiche;
- Treatment Satisfaction Questionnaire for Medication (TSQM-v2), questionario in 11 punti che misura la soddisfazione del paziente per l’efficacia, la sicurezza e la praticità d’uso della terapia;
- Work Productivity Activity Impairment Questionnaire for Chronic Constipation (WPAI-CC), articolato in cinque punti: 1) ore di lavoro perse per disturbi correlati alla stipsi; 2) ore perse per altre ragioni; 3) ore lavorate; 4) impatto della stipsi durante il lavoro; 5) impatto della stipsi sulle altre attività della giornata;
- utilizzo di strutture sanitarie nei 12 mesi precedenti l’intervista.
Questi, in sintesi, i risultati:
- il punteggio medio ottenuto il PAC-SYM è 1.62 ± 0.69;
- il tempo settimanale medio di malattia è 2.7 giorni ± 8.6 ore;
- la perdita di produttività è pari al 19.7% ± 22.3%;
- la perdita di produttività registrata nei pazienti con stipsi severa (punteggio del PAC-SYM: 2.3-4.0), comparata a quella dei pazienti con stipsi moderata (punteggio PAC-SYM: 0.0-1.0) è quantificabile in 6.160 dollari/anno;
- la severità della stipsi è direttamente correlata a un più frequente ricorso alle strutture sanitarie (RRPAC-SYM: 4/01.84; p <0.01).
In conclusione, osservano gli Autori, la perdita di produttività e il ricorso alle strutture sanitarie aumentano con la severità della stipsi, con pesanti ricadute sul sistema economico del Paese. Ulteriori studi dovranno valutare la correlazione opposta, ossia se le terapie e i regimi di vita volti a ridurre la severità della stipsi possano determinare in modo diretto un miglioramento della produttività e risparmi significativi nella spesa sanitaria.
Sullo stesso argomento per professionisti
Potrebbero interessarti anche

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter