Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

05/04/2019

Bruciore vulvare: gli approfondimenti diagnostici consigliati



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho 76 anni. Dopo una biopsia vulvare mi è stato diagnosticato un papillomavirus di basso grado, trattato con una seduta laser. Adesso sono quattro mesi che mi curo con pomate al cortisone ed emollienti, ma non vedo ancora risultati: il bruciore in quella zona delicata c'è sempre, anche se a volte avverto un lieve miglioramento. La visita di controllo, a distanza di due mesi dalla terapia, non ha messo in evidenza nulla, e il pap test è negativo. Si può fare altro per eliminare questo bruciore davvero fastidioso?”.

top

Gentile amica, sarebbe necessario avere informazioni più precise sui sintomi che avverte (modalità di insorgenza ed espressione, localizzazione), e l’esito dell’esame istologico della biopsia vulvare. In questo modo sarà possibile indicarle l’approccio terapeutico specifico. Sono infatti diverse le condizioni cliniche che possono determinare bruciore o prurito in sede vulvare – come il lichen o la vulvodinia – ognuna con un approccio terapeutico mirato. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Dolore vulvare / Vulvodinia - Terapia laser

Stampa

© 2019 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico