Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

21/07/2014

Semeiotica del dolore in gravidanza


Valeria Dubini
Semeiotica del dolore in gravidanza
Atti del corso ECM su "Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico. Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 6 giugno 2014, p. 25-32


Il dolore, e in particolare il dolore pelvico (Pregnancy-related Pelvic Girdle Pain, PPGP), è in gravidanza un sintomo molto frequente. I fattori gestazionali che ne favoriscono la comparsa sono molteplici. E' importante mettersi in ascolto quando una donna riporta un dolore di questo tipo: c’è infatti il rischio non infrequente di una sottovalutazione e comunque di una mancata presa in carico da parte dei sanitari, che etichettano il sintomo come psicosomatico o comunque “normale” in considerazione della situazione gravidica.
E’ invece essenziale cercare di individuare nel modo più possibile preciso la localizzazione del dolore e la sua origine, tenendo anche conto della possibilità di dolori riflessi: è inoltre essenziale un approccio multidisciplinare, proprio a causa della multifattorialità del sintomo.

top

Parole chiave:
Dolore pelvico - Gravidanza - Semeiotica medica

Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici