Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Medical Channel

Condividi su
Stampa

22/01/2018

Semeiologia del dolore vulvare e diagnosi clinica: nel dolore sessuale – dispareunia e vaginismo


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


Alessandra Graziottin
Semeiologia del dolore vulvare e diagnosi clinica: nel dolore sessuale – dispareunia e vaginismo
Corso ECM su “Il dolore vulvare dall'A alla Z: dall'infanzia alla post-menopausa”, organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 7 aprile 2017


Semeiologia del dolore vulvare e diagnosi clinica: nel dolore sessuale – dispareunia e vaginismo

Sintesi del video e punti chiave

Il dolore sessuale, in particolare nella dispareunia e nel vaginismo, può essere associato a dolore vulvare. Una corretta diagnosi differenziale, rispettosa del dolore della donna e attenta ai fattori biologici del disagio, è indispensabile per impostare una terapia efficace. In questo contesto, l’esame medico obiettivo ricopre un ruolo fondamentale.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- la definizione clinica di dispareunia (introitale e profonda) e di vaginismo;
- come i disturbi da dolore sessuale possano essere primari o acquisiti; generalizzati o situazionali; a eziologia biologica, psicologica o mista; tali da provocare distress oppure no;
- i principali fattori biologici, psicologici e contestuali che contribuiscono alla percezione del dolore nella donna;
- la netta prevalenza dei fattori biologici (neurologici, neuroinfiammatori, muco-cutanei, vascolari, muscolari, endocrini, immunitari);
- in quali casi il dolore sessuale predispone al dolore vulvare;
- che cos’è la vulvodinia: definizione e caratteristiche;
- le domande fondamentali alla base di una corretta semeiologia del vaginismo e della dispareunia;
- i cinque stadi del vaginismo secondo John Lamont (1978);
- gli elementi chiave nel vaginismo e le loro implicazioni sul piano terapeutico: arousal sistemico; contrazione difensiva del muscolo elevatore dell’ano; educazione sessuale repressiva; esperienze negative e abusi; problemi sessuali del partner;
- come il dolore che la donna avverte abbia solidissime basi biologiche che possono essere modulate da fattori psicosessuali;
- come la sede del dolore e la sua modalità di insorgenza siano i due fattori predittivi più importanti della presenza e del tipo di causa biologica;
- le tre domande fondamentali da fare durante la visita: dove fa male? quando fa male? quali sono i sintomi associati?
- le cause biologiche più importanti di dispareunia introitale e profonda nell’età fertile e nella post menopausa;
- le principali cause psicorelazionali;
- la stretta correlazione fra dolore, neuroinfiammazione e depressione;
- come si conduce l’esame obiettivo e quali indicazioni se ne possono ricavare;
- che cos’è l’emorroide sentinella e che cosa segnala;
- le cinque aree di attenzione dell’esame medico obiettivo;
- quando e perché ci può essere comorbilità fra dispareunia e cistite;
- i fattori predittivi di tale comorbilità e le sue conseguenze sul piano della funzione sessuale.

top

Parole chiave:
Anamnesi - Cistite / Cistite recidivante - Diagnosi differenziale - Dispareunia femminile - Dolore vulvare - Vulvodinia - Esame obiettivo medico - Fattori biologici - Fattori predisponenti - Funzione sessuale femminile - Semeiotica medica - Vaginismo

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Medical Channel