Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Aggiornamenti scientifici

Condividi su
Stampa

23/11/2015

Ruolo della psicoterapia nella menopausa precoce


Chiara Micheletti, Alessandra Graziottin
Ruolo della psicoterapia nella menopausa precoce
Graziottin A. (a cura di), Atti e approfondimenti di farmacologia del corso ECM su "Menopausa precoce: dal dolore alla salute", organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna Onlus, Milano, 27 marzo 2015, p. 93-100


Il vissuto emotivo nelle donne in menopausa precoce è uno dei più delicati da affrontare. E’ serio e complesso come un lutto vero, come la perdita di una persona amata e perduta: quella parte di sé, della propria identità, che non tornerà. Che può certo essere riparata, cercando anche un equilibrio migliore, ma richiede energia, impegno e tanto lavoro interiore.
Per questo la collaborazione stretta tra medico inviante e psicoterapeuta è essenziale, per offrire alla donna – e alla coppia, se da lei richiesto – l’aiuto più efficace e strutturato sul fronte sia biologico, sia psicoemotivo e sessuale per una buona percezione di salute, nonostante le molte prove attraversate.

top

Parole chiave:
Depressione - Menopausa precoce iatrogena - Menopausa precoce spontanea - Psicoterapia - Sintomi menopausali - Stili di vita

Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Aggiornamenti scientifici