Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Audio stream

Condividi su
Stampa

27/09/2008

La depressione negli adolescenti: come riconoscerla, come combatterla



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano


A cura di Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)

Sintesi dell'intervista

La depressione negli adolescenti: come riconoscerla, come combatterla

Scarica l'intervista:
La depressione negli adolescenti: come riconoscerla, come combatterla
(2.566 kByte)

Sintesi dell'intervista

L’autunno – con il clima più freddo, le piogge e le giornate sempre più brevi – aumenta la vulnerabilità degli adolescenti alla depressione. Spesso, però, i sintomi vengono scambiati per svogliatezza, pigrizia, colpevole disinteresse verso gli obblighi familiari e scolastici: la valutazione clinica lascia troppo facilmente il posto a un giudizio morale. E’ invece importante saper cogliere i segnali della depressione, per poterne prevenire l’insorgenza o l’aggravamento, ed evitare così ai nostri figli un inutile carico di sofferenza, particolarmente pericoloso in una fase della vita così importante e delicata.
Come si fa a capire se un adolescente è realmente depresso, o solo vittima di una stagionale e transitoria fluttuazione dell’umore? Come si può affrontare il suo malessere, a livello medico e di stili di vita?
In questa intervista illustriamo:
- come, soprattutto fra le ragazzine, il passaggio dall’infanzia all’adolescenza triplichi la vulnerabilità alla depressione;
- i segnali d’allarme più significativi: chiusura in se stessi, silenzi ostinati, perdita di interesse per attività un tempo coltivate con passione, insoddisfazione verso ogni aspetto della vita, crisi di collera, brusche fluttuazioni dell’umore (ciclotimia), scarso rendimento scolastico;
- come l’andare male a scuola sia un sintomo particolarmente grave, anche perché così facendo l’adolescente perde un'occasione importante di crescere e migliorare non solo la propria cultura ma anche l’autostima, che viene invece progressivamente incrinata quando lo “specchio sociale” rimanda un'immagine di inadeguatezza e incapacità;
- il primo e più importante fattore di prevenzione e cura: un diverso coinvolgimento affettivo della famiglia, spesso assente e disattenta al disagio profondo dei figli;
- come lo sport – e in particolare la pony-terapia – aiuti a sciogliere in modo sano le emozioni negative e maturare autostima, fiducia in se stessi e la capacità di costruire solidi legami di amicizia;
- l’importanza del sonno regolare (otto ore per notte) nel recupero delle energie spese durante la giornata e nello scarico delle tensioni negative;
- la possibilità, quando indicato, di ricorrere alla psicoterapia (con un terapeuta esperto dei problemi degli adolescenti) e/o agli psicofarmaci di ultima generazione, che anche a basse dosi (di “modulazione”) aiutano a eliminare la cappa nera che paralizza il cuore e liberare le energie positive necessarie alla guarigione.

top

Parole chiave:
Adolescenti - Depressione - Disturbi dell'umore - Prevenzione - Rapporti familiari - Sport e movimento fisico

Stampa

© 2008 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Audio stream