Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

05/05/2017

Utero bicorne: quali rischi per la gravidanza


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Mia figlia ha 26 anni e si sposerà a settembre. Anni fa le è stata diagnosticato un utero bicorne, ossia diviso in due da una membrana che non arriva, però, fino in fondo al collo, che appare normale. Gradirei un consiglio sul da farsi, in quanto lei vorrebbe subito un bambino senza conseguenze. Grazie”.

top

Gentile amica, l’utero bicorne è una malformazione uterina di derivazione embriologica, caratterizzata dalla presenza di due corni anziché un’unica cavità uterina ampia e ben distensibile; può essere associato a un’unica cervice uterina o a un doppio collo dell’utero: si parla rispettivamente di utero bicorne unicolle o bicolle.
La diagnosi prevede l’integrazione delle immagini ottenute mediante ecografia ginecologica tridimensionale e dall’isteroscopia diagnostica: si può così definire l’ampiezza dei corni uterini, se sono comunicanti, se vi è un corno rudimentale.
Non è necessario generalmente nessun intervento chirurgico correttivo; la possibilità di avere una gravidanza è ovviamente correlata al tipo di malformazione e all’agibilità del corno uterino.
Durante la gestazione si raccomanda di effettuare controlli ostetrici frequenti in un centro di patologia della gravidanza e, come modalità di espletamento del parto, è indicato ricorrere a un taglio cesareo elettivo. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Ginecologia - Gravidanza - Malformazioni - Rischio ostetrico - Utero bicorne

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico