Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

03/08/2012

Terapia ormonale sostitutiva dopo un microcarcinoma alla tiroide



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


"Sono una dottoressa di 52 anni, da circa 1 anno in menopausa; sono stata da pochi mesi operata di un microcarcinoma papillare della tiroide ed ho poi seguito il trattamento radiometabolico con radioiodio. Mia madre soffre di una grave forma di osteoporosi che le ha causato ben tre fratture vertebrali. La mia densitometria, pochi mesi fa, ha documentato un inizio di osteopenia al femore e alle vertebre. Sia a causa dei sintomi menopausali che per la prevenzione della perdita dell'osso causata dalla terapia soppressiva con la levotiroxina, ho cominciato la terapia ormonale sostitutiva con un estro-progestinico. Tuttavia, il foglietto illustrativo della levotiroxina dice che la terapia estroprogestinica è controindicata. Come mi posso comportare? E' sufficiente tenere sotto controllo i valori degli ormoni tiroidei? In che modo la levotiroxina e gli estrogeni entrano in conflitto? Devo proprio rinunciare alla TOS, che mi ha dato subito un netto miglioramento del corteo sintomatologico menopausale? Esiste qualche testo scientifico a riguardo?”.
P.M.

top

Gentile Collega, l’assunzione di levotiroxina in associazione alla terapia ormonale sostitutiva non rappresenta una controindica- zione. Come è noto, gli estrogeni aumentano i livelli plasmatici della globulina legante la tiroxina (TBG), determinando di conseguenza un innalzamento della frazione legata e una riduzione della frazione libera e attiva della levotiroxina; si tratta quindi di monitorare la funzionalità tiroidea (con dosaggi ripetuti del TSH) per stabilire il corretto dosaggio della levotiroxina. Per tale motivo non sospenda la terapia ormonale sostitutiva: ne potrà trarre numerosi vantaggi in termini di attenuazione dei sintomi menopausali e di benessere psicofisico generale. Un cordiale saluto.

Per saperne di più:
Mazer NA.
Interaction of estrogen therapy and thyroid hormone replacement in postmenopausal women
Thyroid. 2004; 14 Suppl 1: S27-34

top

Parole chiave:
Osteopenia - Sintomi menopausali - Terapia ormonale sostitutiva - Tiroide - Tumori

Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico