Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

19/05/2017

Sospetta cisti endometriosica: come procedere in assenza di sintomi


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


“Ho quasi 45 anni e due figli. Le due gravidanze sono state inframezzate da tre aborti spontanei. Qualche mese fa, durante un normale controllo con ecografia transvaginale, mi è stata riscontrata una cisti all’ovaio destro di sospetta natura endometriosica, di poco inferiore ai 4 centimetri. Io non ho dolore e il ciclo è regolare. Può l’endometriosi comparire così tardi? Mi devo preoccupare? Grazie”.

top

Gentile amica, per motivi tuttora non del tutto chiariti, l’endometriosi è caratterizzata da diversi gradi di manifestazione con differente gravità di espressione e sintomatologia. E’ dunque possibile che venga riscontrata a un’età più avanzata del solito e senza che abbia determinato una sintomatologia dolorosa importante e/o una compromissione della fertilità, come nel suo caso.
Le consigliamo, in assenza di controindicazioni assolute, di intraprendere una terapia estro-progestinica o progestinica a basso dosaggio in regime continuativo, e di ricontrollare dopo quattro mesi la persistenza e le dimensioni della cisti. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Cisti ovariche - Endometriosi

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico