Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

30/03/2017

Sintomi della menopausa: i benefici a lungo termine del movimento fisico


Kemmler W, Kohl M, von Stengel S.
Long-term effects of exercise in postmenopausal women: 16-year results of the Erlangen Fitness and Osteoporosis Prevention Study (EFOPS)
Menopause. 2017 Jan; 24 (1): 45-51. doi: 10.1097/GME.0000000000000720


Valutare gli effetti a lungo termine del movimento fisico sulla salute cardiaca e osteoarticolare delle donne in menopausa: è questo l’obiettivo dello studio condotto da W. Kemmler e collaboratori, dell’Istituto di Fisica medica presso l’Università di Erlangen-Nürnberg, in Germania.
La morbilità multipla correlata alla menopausa sta diventando un problema molto serio per i sistemi sanitari dei paesi occidentali. E’ quindi importante mettere a punto strategie preventive il più possibile precoci rispetto all’inizio della menopausa stessa.
La ricerca è iniziata nel 1998 e ha coinvolto inizialmente 137 donne in menopausa e affette da osteopenia. Di esse:
- 86 (Exercise Group, EG) hanno seguito un programma intensivo di movimento fisico, strutturato in due sedute di gruppo e due sedute domestiche la settimana;
- 51 (Control Group, CG) hanno mantenuto invariato il loro livello di attività.
I parametri di salute tenuti sotto controllo sono tre:
- incidenza generale di fratture;
- rischio di attacco coronarico e infarto a dieci anni;
- dolore lombare.
Nel 2014, quindi 16 anni dopo l’avvio dello studio, 59 donne del gruppo sottoposto a training intensivo e 46 del gruppo di controllo sono state sottoposte a un’analisi di follow up.
Questi, in sintesi, i risultati:
- il rischio di attacco coronarico e infarto a dieci anni è significativamente aumentato in entrambi i gruppi, ma in misura decisamente minore nel gruppo EG (5.00% ± 2.94% vs 6.90% ± 3.98%; P = 0.02);
- l’OR di fratture è risultato essere, per il gruppo EG, pari a 0.47 (95% CI: 0.24-0.92; P = 0.03), significativamente più basso rispetto al gruppo CG;
- il dolore lombare è risultato molto meno frequente e intenso nel gruppo EG.
Il programma di esercizi adottato ha dunque avuto indubbi benefici su molteplici fattori di rischio e disturbi della menopausa, confermando come il movimento fisico debba essere incluso in ogni seria strategia preventiva.

top

Articoli correlati:

Flash dalla ricerca medica internazionale

19/02/2015 - Sarcopenia e osteoporosi in menopausa: come contrastarle

Parole chiave:
Accidenti e malattie cardiovascolari - Apparato osteo-articolare - Dolore lombo-sacrale cronico - Menopausa - Osteopenia / Osteoporosi - Sport e movimento fisico

Stampa

© 2017 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico