EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Sintomi della menopausa: i benefici a lungo termine del movimento fisico

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
30/03/2017

Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Kemmler W, Kohl M, von Stengel S.
Long-term effects of exercise in postmenopausal women: 16-year results of the Erlangen Fitness and Osteoporosis Prevention Study (EFOPS)
Menopause. 2017 Jan; 24 (1): 45-51. doi: 10.1097/GME.0000000000000720
Valutare gli effetti a lungo termine del movimento fisico sulla salute cardiaca e osteoarticolare delle donne in menopausa: è questo l’obiettivo dello studio condotto da W. Kemmler e collaboratori, dell’Istituto di Fisica medica presso l’Università di Erlangen-Nürnberg, in Germania.
La morbilità multipla correlata alla menopausa sta diventando un problema molto serio per i sistemi sanitari dei paesi occidentali. E’ quindi importante mettere a punto strategie preventive il più possibile precoci rispetto all’inizio della menopausa stessa.
La ricerca è iniziata nel 1998 e ha coinvolto inizialmente 137 donne in menopausa e affette da osteopenia. Di esse:
- 86 (Exercise Group, EG) hanno seguito un programma intensivo di movimento fisico, strutturato in due sedute di gruppo e due sedute domestiche la settimana;
- 51 (Control Group, CG) hanno mantenuto invariato il loro livello di attività.
I parametri di salute tenuti sotto controllo sono tre:
- incidenza generale di fratture;
- rischio di attacco coronarico e infarto a dieci anni;
- dolore lombare.
Nel 2014, quindi 16 anni dopo l’avvio dello studio, 59 donne del gruppo sottoposto a training intensivo e 46 del gruppo di controllo sono state sottoposte a un’analisi di follow up.
Questi, in sintesi, i risultati:
- il rischio di attacco coronarico e infarto a dieci anni è significativamente aumentato in entrambi i gruppi, ma in misura decisamente minore nel gruppo EG (5.00% ± 2.94% vs 6.90% ± 3.98%; P = 0.02);
- l’OR di fratture è risultato essere, per il gruppo EG, pari a 0.47 (95% CI: 0.24-0.92; P = 0.03), significativamente più basso rispetto al gruppo CG;
- il dolore lombare è risultato molto meno frequente e intenso nel gruppo EG.
Il programma di esercizi adottato ha dunque avuto indubbi benefici su molteplici fattori di rischio e disturbi della menopausa, confermando come il movimento fisico debba essere incluso in ogni seria strategia preventiva.
Sullo stesso argomento per professionisti

Flash dalla ricerca medica internazionale

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter