Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

20/09/2018

Menopausa precoce dopo un cancro in età pediatrica: prevalenza e fattori di rischio


Levine JM, Whitton JA, Ginsberg JP, Green DM, Leisenring WM, Stovall M, Robison LL, Armstrong GT, Sklar CA.
Nonsurgical premature menopause and reproductive implications in survivors of childhood cancer: a report from the Childhood Cancer Survivor Study
Cancer. 2018 Mar 1;124(5):1044-1052. doi: 10.1002/cncr.31121. Epub 2018 Jan 16.


Valutare l’incidenza della menopausa precoce non chirurgica sulle giovani donne che hanno avuto un cancro in età pediatrica: è questo l’obiettivo dello studio coordinato da J.M. Levine, del Dipartimento di Pediatria del Weill Cornell Medical College di New York, Stati Uniti.
Per menopausa precoce non chirurgica si intende la cessazione delle mestruazioni per almeno 6 mesi, a partire da 6 anni dopo la diagnosi di cancro e comunque entro i 40 anni di età; tale cessazione non deve essere dovuta a una gravidanza, a un intervento chirurgico o a cure farmacologiche correnti.
Lo studio è stato condotto su 2930 donne a cui era stato diagnosticato un cancro fra il 1979 e il 1986 (età mediana, 6 anni [range: 0-20 anni]) e che al tempo dello studio avevano almeno 18 anni (età mediana, 35 anni [range: 18-58 anni]); le condizioni di queste donne sono state confrontate con quelle di 1399 sorelle.
Questi, in sintesi, i risultati:
- 110 donne sopravvissute al cancro hanno sviluppato una menopausa precoce (età mediana, 32 anni [range, 16-40 anni]), con una prevalenza del 9.1% all’età di 40 anni (95% CI, 4.9%-17.2%);
- l’OR, in confronto alle sorelle, è pari a 10.5 (95% CI, 4.2-26.3).
I fattori indipendenti di rischio includono:
- l’esposizione a una dose di procabarzina ≥4000 mg/m2 (OR 8.96 [95% CI, 5.02-16.00]);
- qualsiasi dose di radiazione ovarica (OvRT) (OvRT < 500 cGy: OR 2.73 [95% CI, 1.33-5.61]; OvRT ≥ 500 cGy: OR, 8.02 [95% CI, 2.81-22.85]);
- l’avere ricevuto un trapianto di cellule staminali (OR, 6.35; 95% CI, 1.19-33.93).
In confronto alle altre sopravvissute, quelle che hanno sviluppato una menopausa precoce hanno inoltre una minore probabilità, fra i 31 e i 40 anni:
- di avere mai concepito un figlio (RR 0.49; 95% CI, 0.27-0.80);
- di avere mai dato alla luce un figlio vivo (RR 0.42; 95% CI, 0.19-0.79).
Da questi risultati emerge l’importanza di mettere in atto opportune strategie per preservare la fertilità entro i 30 anni.

top

Parole chiave:
Infanzia - Menopausa precoce iatrogena - Tumori femminili

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico