Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

12/07/2018

Fatigue: un sintomo rilevante dell'endometriosi


Ramin-Wright A, Kohl Schwartz AS, Geraedts K, Rauchfuss M, Wölfler MM, Haeberlin F, von Orelli S, Eberhard M, Imthurn B, Imesch P, Fink D, Leeners B.
Fatigue: a symptom in endometriosis
Hum Reprod. 2018 Jun 26. doi: 10.1093/humrep/dey115. [Epub ahead of print]


Studiare la correlazione fra endometriosi e fatigue: è questo l’obiettivo dello studio multicentrico internazionale coordinato da Annika Ramin-Wright, dello University Hospital di Zurigo, Svizzera.
Lo studio è stato condotto in Svizzera, Austria e Germania fra il 2010 e il 2016, e ha coinvolto 560 donne affette da endometriosi confermata a livello chirurgico e istologico, e 560 controlli coerenti per età e gruppo etnico.
Questi, in sintesi, i risultati:
- la fatigue è significativamente più frequente nelle donne con endometriosi (50.7% vs 22.4%, P < 0.001);
- la fatigue nell’endometriosi si associa a insonnia (OR: 7.31, CI: 4.62-11.56, P < 0.001), depressione (OR: 4.45, CI: 2.76-7.19, P < 0.001), dolore (OR: 2.22, CI: 1.52-3.23, P < 0.001) e stress occupazionale (OR: 1.45, CI: 1.02-2.07, P = 0.037), mentre è indipendente dall’età, dal momento della prima diagnosi e dallo stadio della malattia.
La fatigue può dunque impattare ulteriormente sulle attività quotidiane e sulla qualità di vita di donne già messe a dura prova da una patologia insidiosa come l’endometriosi. Per tale motivo andrebbe sempre presa in considerazione nella pianificazione delle terapie. In particolare, ridurre l’insonnia, la depressione, il dolore e lo stress occupazionale può contribuire in modo decisivo ad attenuarne gli effetti.

top

Articoli correlati:

Flash dalla ricerca medica internazionale

05/07/2018 - Alimentazione e rischio di endometriosi: uno studio statunitense

Parole chiave:
Endometriosi - Stanchezza cronica

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico