Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

22/11/2018

Endometriosi renale: un disturbo che può mimare la presenza di patologie maligne


Badri AV, Jennings R, Patel P, Eun DD.
Renal endometriosis: the case of an endometrial implant mimicking a renal mass
J Endourol Case Rep. 2018 Oct 29;4(1):176-178. doi: 10.1089/cren.2018.0070. eCollection 2018.


Dimostrare, attraverso un’esperienza clinica concreta, che l’endometriosi renale può mimare la presenza di una patologia maligna: è questo l’obiettivo del “case report” pubblicato da Anand V. Badri e collaboratori, del Dipartimento di Urologia del Temple University Hospital di Philadelphia, Stati Uniti.
Nell’endometriosi, il coinvolgimento sintomatico del rene è estremamente raro: di conseguenza, è improbabile che questa malattia venga presa in considerazione nella diagnosi differenziale.
In questo report viene descritto il caso di una donna di 45 anni con forti dolori al fianco sinistro ed ematuria. Le tecniche di imaging avevano evidenziato la presenza di una massa renale. Dopo una nefrectomia robotica parziale, le analisi istologiche hanno rivelato la presenza di una placca endometriosica all’interno del parenchima renale.
Questo caso conferma che l’endometriosi renale, per quanto rara:
- può mimare una patologia maligna;
- deve essere presa in considerazione nella diagnosi differenziale dei disturbi a carico di questo organo.

top

Parole chiave:
Diagnosi differenziale - Endometriosi - Rene

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico