Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin
Condividi su
Stampa

04/08/2016

Dolore mestruale: la pillola contraccettiva lo tiene a bada



Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano


“Ho 29 anni e prendo la pillola anticoncezionale da circa 4 anni. Non l’ho mai interrotta, ma ora la mia preoccupazione è: bisogna sospenderla dopo un determinato periodo di tempo? E lo si può fare così, da un momento all’altro? L’uso prolungato potrebbe ridurre la fertilità e ostacolare una futura gravidanza? Ma se la sospendo, potrebbe tornare il dolore mestruale che prima mi perseguitava? Grazie infinite”.
Paola

top

Gentile Paola, stia tranquilla: non c'è alcun motivo medico per sospendere la pillola. Anzi, finché non vorrà figli, la fertilità è tanto più protetta quanto più a lungo la si prende. Purché in parallelo si usi il profilattico per evitare le malattie sessualmente trasmesse, come la Clamidia o la gonorrea: quelle sì che rovinano la fertilità!
Oltretutto, finché l’assume, il dolore mestruale è silente, ma può tornare alla sospensione, soprattutto se è causato da flussi abbondanti o da endometriosi, anche subclinica, ossia non ancora evidente. Per approfondimenti su questa insidiosa malattia, per la quale la pillola viene addirittura assunta in modo continuo, ossia senza i normali giorni di interruzione, la rimando ai numerosi articoli pubblicati sul nostro sito.
La sospensione, se si desiderano figli o si decide di cambiare metodo, si fa in genere alla fine del blister.
Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Dismenorrea (dolore mestruale) - Endometriosi - Fertilità e infertilità - Menometrorragia - Pillola contraccettiva

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico