Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donnaFondazione Alessandra Graziottin

Anni disponibili:  2014  2013  2012 

Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Successiva



Condividi su
Segnala Stampa

20/12/2012

Relationship between intestinal mucosal inflammation and mental disorders in patients with irritable bowel syndrome


Hao JX, Han M, Duan LP, Han YJ, Ge Y, Huang YQ.
Relationship between intestinal mucosal inflammation and mental disorders in patients with irritable bowel syndrome
Zhonghua Yi Xue Za Zhi. 2012 Aug 28; 92 (32): 2247-51


Analizzare le relazioni tra disturbi psichici e sindrome dell’intestino irritabile (Irritabile Bowel Syndrome, IBS) attraverso la comparazione dei marker infiammatori presenti nella mucosa intestinale dei pazienti con e senza disturbi psichici: è l’obiettivo dello studio di J. X. Hao e collaboratori, del dipartimento di Gastroenterologia del Terzo Ospedale dell’Università di Pechino (Cina).
Questo il metodo seguito dai ricercatori:
- sono state reclutate 43 persone affette da IBS soddisfacenti i criteri “Roma III” per la verifica della funzionalità intestinale, e 15 volontari di controllo, privi di sintomi gastrointestinali;
- ai partecipanti è stata somministrata la Composite International Diagnostic Interview (CIDI) per l’accertamento della presenza di disturbi psichici;
- sono state inoltre effettuate una colonscopia e una biopsia della mucosa del colon e dell’ileo distale.
A livello immunoistologico, la biopsia ha consentito di accertare la presenza di linfociti CD3, mastociti, cellule 5-HT positive e cellule positive all’indoleamina 2,3-diossigenasi (IDO) nelle mucose di 13 volontari, 24 pazienti affetti da IBS senza disturbi psichici e 19 pazienti affetti da IBS con disturbi psichici.
Questi, in sintesi, i risultati:
1. l’incidenza di disturbi psichici nei pazienti affetti da IBS è significativamente più elevata che nei volontari (19/43 vs 2/15, P = 0.012): in particolare, 9 pazienti presentavano disturbi di ansia e 8 disturbi dell’umore;
2. risultanze similari sono emerse per le cellule 5-HT positive;
3. nell’ileo distale, il numero di linfociti CD3 nei pazienti affetti da IBS con disturbi psichici non presenta variazioni statisticamente significative;
4. il numero di cellule IDO positive nell’ileo distale nei pazienti affetti da IBS con disturbi d’ansia è significativamente più elevato che nei pazienti con IBS senza disturbi psichici;
5. il numero di mastociti nell’ileo distale nei pazienti affetti da IBS con disturbi dell’umore è significativamente più elevato che nei pazienti con IBS senza disturbi psichici.
Gli autori concludono osservando come i disturbi psichici riscontrati nelle persone affette da sindrome dell’intestino irritabile possano essere associati all’infiammazione della mucosa intestinale. L’attivazione della IDO, in particolare, può provocare la comorbilità dell’IBS con i disturbi d’ansia, mentre l’attivazione dei mastociti determina probabilmente la comorbilità dell’IBS con disturbi dell’umore.
Lo studio è rilevante per tre motivi:
a) conferma lavori precedenti che hanno dimostrato un aumento significativo di mastociti, di mastociti degranulati e di mastociti vicini alle fibre del dolore nelle persone affette da sindrome del colon irritabile;
b) aggiunge un ulteriore tassello dimostrando che i disturbi psichici associati alla IBS possono essere associati/correlati all’infiammazione della mucosa intestinale;
c) individua una possibile correlazione tra l’attivazione della IDO e i disturbi d’ansia, e tra l’iperattivazione dei mastociti e i disturbi dell’umore.

top

Parole chiave:
Ansia - Disturbi dell'umore - Infiammazione - Sindrome del colon/intestino irritabile

Segnala Stampa

© 2012 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico