Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donnaFondazione Alessandra Graziottin

Anni disponibili:  2014  2013  2012  2011  2010  2009  2008 

Precedente 1 2 3 4 Successiva



Condividi su
Segnala Stampa

22/08/2014

Rapporto medico-paziente: la chiave della guarigione


Le vostre lettere alla nostra redazione


Oggi pubblichiamo le testimonianze di tre donne sull’importanza del rapporto fra medico e paziente. Sono brevissime e molto simili. Tutte e tre esprimono la gioia della guarigione. Le offriamo alle nostre lettrici in questo periodo di vacanza, con l’augurio che ognuna di esse possa trovare la propria strada per stare bene.



L’autostima, la ritrovata creatività grazie al sentirsi riconosciuta, stimata. Trovare quello specchio affettuoso che ti incoraggia.
Gioia di vivere

La candida recidivante mi ha condizionato negativamente per tutta la vita, fino a quando l’incontro felice con la professoressa Graziottin mi ha definitivamente guarita. La riconoscenza da parte mia è infinita.
Viola

Ritrovarsi a vivere e non a sopravvivere, assaporare con entusiasmo le grandi ma anche le piccole gioie nel quotidiano, guardare al futuro con ottimismo e fiducia. E’ possibile, oggi la medicina ci aiuta, siamo noi gli artefici del nostro domani.
L’amica risanata

top

Parole chiave:
Coraggio di vivere - Dolore - Fiducia - Guarigione - Rapporto medico-paziente

Segnala Stampa

© 2014 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico