Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Anni disponibili:  2015  2014  2013  2012  2011  2010  2009  2008 

Precedente 1 2 Successiva



Condividi su
Segnala Stampa

17/04/2015

Menopausa precoce: sono rinata con gli ormoni!




Ho 40 anni e circa due anni fa ho iniziato ad avere flussi mestruali molto abbondanti, ad affaticarmi più facilmente e ad avere improvvisi e immotivati sbalzi d’umore. Un anno fa la situazione è precipitata: emorragie, vampate e terribili sudate notturne con la schiena che andava a fuoco, depressione, pianti immotivati, rapporti sessuali dolorosi, mancanza di desiderio e grande stanchezza.
Ho smesso di fare esercizio fisico, sono ingrassata e ho iniziato ad andare da una psichiatra e a prendere sonniferi e antidepressivi. Non riuscivo neanche ad alzarmi dal letto. Tutto era faticoso, la vita quotidiana sembrava essere diventata una montagna insormontabile!
Non capivo cosa mi succedesse sino a che non ho parlato con mia madre, che mi ha detto di essere entrata in menopausa a 42 anni, e sua madre a 37. Mia madre ha subito pensato alla professoressa Graziottin.
Dopo avere preso contatto con la sua segretaria per email e aver fissato un appuntamento, mi è arrivato un elenco dettagliato degli esami da portare alla professoressa per la prima visita. Con uno di questi esami ho scoperto di avere già un’osteoporosi del 25%!
Il giorno dell’appuntamento, prima della visita vera e propria, ho comunicato tutti i miei dati riguardanti stato di salute, precedenti interventi, casi precedenti di menopausa precoce in famiglia e molto di più.
Quando sono entrata nello studio della professoressa, ero il fantasma di me stessa. Sono sempre stata una ragazza energica, positiva, allegra, tenace, creativa e curiosa. In quel momento per me era difficile anche solo mettere un piede davanti all’altro.
La professoressa l’ha notato subito e, dopo avermi fatto diverse domande e visitata, mi ha detto che la volta successiva non mi voleva trovare in quello stato. Tra me e me ho pensato che lo speravo, e mi auguravo anche io di non tornare da lei in quello stato.
Dopo quattro mesi di cura, di quel fantasma non c’è traccia! Ho ripreso a fare sport, sono felice e piena di energia, lavoro con entusiasmo, ho smesso sonniferi e antidepressivi, sorrido di nuovo alla vita. Non ho più vampate e sudorazioni notturne e non piango senza motivo. I rapporti con mio marito sono tornati splendidi e non dolorosi. Insomma, io con gli ormoni sono rinata e li consiglierei a qualsiasi donna nelle mie condizioni!
La professoressa mi ha ridato la vita e ora mi sento di nuovo pronta ad aprire le braccia al mondo!
Alle donne nelle mie condizioni, consiglierei di rivolgersi subito alla professoressa Graziottin e di usare gli ormoni e gli integratori che la professoressa raccomanda. Consiglierei inoltre di non colpevolizzarsi. La menopausa precoce, e la menopausa in generale, è una fase difficile nella vita di una donna: depressione, dolore durante i rapporti, mancanza di desiderio, sbalzi d’umore e stanchezza sono sintomi usuali ma se non vengono riconosciuti per tempo possono farci sentire inadatte e incapaci.
Prendersi cura di sé e prendere del tempo per affrontare i problemi legati alla menopausa sono passi fondamentali per uscire dal tunnel.
P.B.

top

Parole chiave:
Astenia - Depressione - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Fitoterapici e integratori - Menopausa precoce spontanea - Rapporto medico-paziente - Stanchezza cronica - Terapia ormonale sostitutiva - Vampate di calore

Segnala Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico