Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Anni disponibili:  2015  2014  2013  2012  2011  2010  2009  2008 



Condividi su
Segnala Stampa

23/01/2015

Una lezione di medicina e umanità




Voglio offrire la mia testimonianza come operatore della sanità. Il 13 dicembre scorso ho assistito a un corso tenutosi a Cagliari sul cancro ovarico. La Professoressa Graziottin, in poco tempo, mi ha fatto capire le implicazioni mediche e psicologiche di questo tumore così subdolo e pericoloso... Ha spaziato in tutti i campi e in tutte le sfere dell’esperienza umana con una tale padronanza che oggi io credo più che mai che lei sia patrimonio della Medicina europea, e non solo.
In particolare mi ha toccato il cuore quando, a un certo punto, ha raccontato del sacrificio d’amore che una donna affetta da dolore cronico, concedendosi al marito, sopportava, e disperata gridava dentro di sé, in preda al dolore, «non voglio che questo sia l’ultimo mio dono e ricordo in vita». La professoressa Graziottin lo raccontava con le lacrime agli occhi… Un silenzio, in quella stanza...
Io ho pensato, come persona e come operatore, che vorrei essere un centesimo di ciò che è lei, per sentirmi beata; e se un giorno stessi male, vorrei incontrare un Medico come lei... per sentirmi amata.
Nadia

top

Parole chiave:
Carcinoma dell'ovaio - Formazione medica - Rapporto medico-paziente

Segnala Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico