Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Torna a Strategie per stare meglio

Condividi su
Stampa

21/08/2018

Grazia e ritmo in una contagiosa vitalità (Johann Sebastian Bach, dalla Suite orchestrale No. 1, BWV 1066)




Johann Sebastian Bach
Dalla Suite orchestrale No. 1, BWV 1066
Ouverture
Le Concert des Nations; Jordi Savall, direttore


Bell’ascolto barocco, spesso in cartellone negli estivi festival all’aperto in dimore d’altri tempi, nello stile dell’epoca in cui questa pagina è stata composta, e per lo scopo “di evasione”, di intrattenimento, per cui è stata commissionata, sul filo delle linee melodiche incalzanti della Suite orchestrale No. 1 BWV 1066 di Johann Sebastian Bach, della quale proponiamo l’Ouverture iniziale. E se, come pensiamo, è una musica che vi prende, vi consigliamo di continuare con gli altri sei movimenti della Suite – Courante, Gavotte I, II, Forlane, Menuett I, II, Bourrée I, II, Passepied I, II – perché sono in un certo senso “danze” irresistibili, brillanti, una richiama l’altra, in un turbinio di melodie che sposano grazia e ritmo a una contagiosa vitalità, costruite intorno ai ricami strumentali di due oboi e di un fagotto, ai quali si aggiungono due violini, viola e basso continuo. E siamo certi che vorrete estendere curiosità e passione d’ascolto alle altre tre Suite scritte da Bach tra il 1718 e il 1725 (con qualche approssimazione storica, sulla datazione di ogni singolo numero d’opera non abbiamo elementi certi): la Suite orchestrale No. 2 BWV 1067, con protagonista assoluto il flauto traverso e il virtuosistico tempo finale di Badinerie; o la No. 3 BWV 1068, celeberrima per il secondo movimento, Air, universalmente conosciuto come “Aria sulla quarta corda”; o ancora l’ultima Suite orchestrale di Bach, BWV 1069, che si apre con la magnificenza sonora di un movimento lento.
Musica che sottolinea come sempre il genio creativo bachiano, ma non ci impegna qui in particolari profondità di pensiero. Torniamo a Bach (l’ultima proposta del Kantor era stata a Natale) dopo avere ascoltato la Fantasia Op. 17 di Schumann, certamente capace di trasportarci nel più puro sogno romantico ma che obbliga a una dedizione assoluta per cogliere raffinate trame pianistiche. Questa pagina bachiana si potrebbe invece definire “leggera”, ovviamente nel significato che aveva al tempo del maturo Barocco strumentale: musica d’occasione, che l’autore mette sul pentagramma nel periodo di Köthen, quando per il Collegium Musicum della città sassone scrive con generosità ouvertures o suites, composizioni che più dei Concerti Brandeburghesi dovevano servire al divertimento, al passatempo, del principe e della corte. Il carattere è brioso, vivace, anche genuinamente popolare: accanto alle solite danze sul modello dei compositori francesi del ‘600-’700, per esempio, proprio la prima Suite ospita un andamento d’origine italiana, la “Forlana”, o friulana. L’elaborazione musicale, la freschezza dell’invenzione, l’incalzare del fraseggio, la fragranza del tessuto strumentale, e anche la cantabilità delle linee, ne fanno un ascolto che ci prende per mano senza pretese, un tappeto sonoro che lascia vagare la mente ma riempie la nostra vita di sensazioni positive, qualcosa che dà benessere senza che per forza dobbiamo soffermarci in una dimensione contemplativa.
Anche se, va ricordato per collocare l’opera nella giusta prospettiva, non c’è una nota qui che non sia stata elevata alle vette più alte del pensiero musicale. Certo, era “alla moda”, à la page, espressione di quella galanteria e delle festose maniere francesi che da Parigi s’erano riverberate in tutta Europa, anche nella cultura germanica, e che all’inizio del Settecento avevano affascinato ogni tedesco sensibile alle espressioni artistiche. Dunque anche Bach, il quale si mette sotto a comporre con esuberanza creativa, un po’ solleticato dal gusto della sfida con i colleghi francesi, dal confronto con i modelli strumentali che Jean-Baptiste Lully aveva portato alla perfezione, un po’ per qualche buona commissione aristocratica. Tuttavia, parte da quelle sonorità, da quello spirito di danza, di leggerezza, dai giardini di Versailles, per compiere il solito viaggio nella sublimazione assoluta, con «una libertà di rielaborazione, una fertilità inventiva, che distinguono le quattro composizioni dal conformismo della sterminata produzione contemporanea», scrive Arrigo Quattrocchi. «E sino al punto di elevarsi al di sopra di ogni esempio passato, presente e futuro», precisa il grande biografo del Kantor, Alberto Basso.
A tratti sono pagine trascinanti, nel vero senso della parola, impregnate di clima festoso, di gioia purissima, di esplosione d’adrenalina, come nella Ouverture della terza Suite orchestrale, la BWV 1068, talmente “performante” nell’energia rilasciata che spesso è inclusa nelle playlist di chi va a correre con la musica in cuffia, tra le immancabili hit pop e rock. E anche nella Suite No. 1 BWV 1066 che abbiamo scelto questa settimana, il pezzo di maggior peso dell'intera composizione è quello iniziale, l'Ouverture vera e propria.
Va qui segnalato, soprattutto a chi s’avvicina a questo repertorio per la prima volta, che nella discografia troverà spesso la dizione Ouvertures di Bach in alternativa a quella di Suite orchestrali. Si tratta, in realtà, delle stesse pagine. Il primo modo di indicarle, Ouvertures, deve il nome alla pagina che le introduce; la struttura è però quella tipica delle suites: libera successione di movimenti ispirati a ritmi di danza e articolati secondo la tradizione francese. La loro bellezza, che resiste allo scorrere dei secoli, non dipende ovviamente dal nome, a volte sintetizzato anche in ouverture orchestrale: dipende da quel senso di felicità che sgorga copioso da queste note, da quella sensazione di allegrezza, tripudio, accompagnate da un’inesauribile vena melodica, che possiamo ascoltare chiudendo gli occhi e immaginando l’apoteosi di costumi, parrucche, ventagli, ombrellini, chaperon e lacchè nei giardini e palazzi dell'Ancien Regime, e che, come suggerisce ancora Alberto Basso, «si prestava splendidamente a sostenere la funzione del maestro di cerimonie, del banditore, del camerlengo, tra banchetti interminabili, festini e parate di corte».
Buon ascolto.

top

Per approfondire l'ascolto

1) Johann Sebastian Bach
Les quatre Ouvertures
Les Concert des Nations; Jordi Savall, direttore (Alia Vox, disponibile anche su Apple Music e Google Play Music)

2) Johann Sebastian Bach
Ouvertures
Zefiro Ensemble (Arcana, disponibile anche su Apple Music e Google Play Music)

3) Johann Sebastian Bach
6 Brandeburg Concertos – 4 Orchestral Suites
The English Concert; Trevor Pinnock, direttore (Archiv, disponibile anche su Apple Music e Google Play Music)

top

Parole chiave:
Emozioni - Felicità - Melodia - Musica antica - Strumenti musicali

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico

Torna a Strategie per stare meglio