EN
Ricerca libera
Cerca nelle pubblicazioni scientifiche
per professionisti
Vai alla ricerca scientifica
Cerca nelle pubblicazioni divulgative
per pazienti
Vai alla ricerca divulgativa

Effetto Mozart, gioiosa terapia del dolore (W. A. Mozart, Sonata per due pianoforti KV 448)

  • Condividi su
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Whatsapp
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Linkedin
21/02/2012

Proposte di ascolto a cura di Pino Pignatta

Wolfgang Amadeus Mozart
Sonata per due pianoforti KV. 448 - Allegro con spirito
Daniel Barenboim, pianoforte; Lang Lang, pianoforte
Andando per concerti a Milano, in questo caso all’Auditorium “Gustav Mahler” per ascoltare un programma tutto mozartiano diretto dal “bachiano” Helmut Rilling, e inseguendo argomenti e storie musicali, ci siamo imbattuti in uno studio approfondito del musicologo e musicista Francesco Attardi, autore di un “Viaggio intorno al Flauto Magico”, che indaga in profondità il rapporto tra Mozart e la musicoterapia. Intanto, subito una suggestione tratta da questo libro (che vi consigliamo), edito dalla Libreria Musicale Italiana di Lucca: «I più autorevoli studi concordano che non esiste migliore terapia della musica di Amadeus. L’otorinolaringoiatra francese Alfred Tomatis, morto nel 2001, è stato il primo a mettere in evidenza le connessioni tra l’orecchio e le varie funzioni dell’organismo, come il linguaggio. Il metodo audiopsicofonologico di Tomatis fa uso di una macchina nota come “orecchio elettronico” attraverso la quale è filtrata la musica di Mozart, la più adatta alla terapia, che apporta all’orecchio frequenze medio-acustiche atte a ricaricare la corteccia cerebrale...».
Dunque, il verbo usato è “ricaricare” che, di là dalle sperimentazioni nella ricerca medico-scientifica, dà bene l’idea della musica come fattore di rinascita, come ambiente di rigenerazione mentale e fisica, di rialimentazione delle batterie della vita, che poi è anche l’obiettivo di questa rubrica: aiutarvi a stare meglio, trovando una dimensione, in questo caso l’arte dei suoni, che si dimostri più forte del disagio e della sofferenza. E il termine “ricaricare” spiega anche la nostra scelta di questa settimana, e cioè la Sonata per due pianoforti KV 448 di Wolfgang Amadeus Mozart, perché è generalmente adottata come modello di ascolto e giudicata particolarmente efficace proprio nelle sperimentazioni musico-terapeutiche del medico francese Tomatis.
Ascoltatela: Mozart non ha perso tempo nella scrittura, non ha pensato a introduzioni o preludi prima d’entrare nel vivo del suo sentire. Che abbia avuto o no, come compositore, coscienza dei prodigiosi effetti terapeutici della sua musica, la brillantezza del fraseggio e la generosità delle idee melodiche sono immediatamente fruibili, spontanee. Attacca l’Allegro con spirito, e lo “spirito” lo ritroviamo interamente, ci riempie il cervello e il cuore, è insieme irresistibile, cantabile, con snodi armonici che scavano in profondità, in una Sonata che richiede, sin dal primo istante, un perfetto equilibrio nel dialogo e nella funzione dei giochi sonori, e sottolinea lo spigliato e cordiale pianismo a quattro mani. C’è del divertimento, a tratti scoppiettante, ma anche tinte delicate e sfumate sul piano espressivo. Insomma, uno stile “galante” ma non di maniera, che pesca abbondantemente dentro quei contrasti armonici, quelle fiammate di entusiasmo e vitalità che rendono Mozart, più di altri, capace di “curare”.
Abbiamo parlato di pianismo a quattro mani, che nella letteratura musicale può essere con due pianoforti oppure con due pianisti su un’unica tastiera: forma di concerto, quest’ultima, in voga soprattutto nell’Ottocento, parecchio frequentata da Franz Schubert, ma anche da Beethoven e Schumann. Mozart, eccellente pianista sin da bambino, suonò spesso a quattro mani con sua sorella Nannerl (Maria Anna) in ricevimenti e serate musicali. Non solo: nei suoi primi anni viennesi, e specialmente a partire dal 1784, Mozart dedicò gran parte dei suoi sforzi ad affermarsi come virtuoso di pianoforte, sia partecipando a numerose Accademie, dove oltre a presentare le proprie creazioni era chiamato a improvvisare, sia componendo appositamente Concerti per pianoforte e orchestra. Oppure Sonate per pianoforte a quattro mani: almeno sei robuste creazioni per questo organico sono state presentate a Vienna dal 1765 al 1786. E proprio in una di queste serate, di queste Accademie, cioè concerti privatissimi, avvenne la prima esecuzione della Sonata KV 448, a casa di Josephine Aurnhammer, una delle prime allieve viennesi del musicista, stimata per la bravura tecnica. Ed è appunto immaginando di essere a casa Aurnhammer, il 23 novembre 1781, quindi in un’atmosfera raccolta, intima, di pace interiore, che possiamo ascoltare questa Sonata KV 448 provando a misurare su di noi, nel nostro ambiente domestico e familiare, la potenza terapeutica del cosiddetto “effetto Mozart”.
Ma ridurre l’effetto Mozart a un fattore puramente acustico, scrive ancora Francesco Attardi, «è limitativo e non spiega l’importanza del fenomeno. A stimolare la creatività, l’intelligenza e l’organizzazione mentale sono non solo i suoni acuti e di particolare efficacia delle Sonate e delle Sinfonie mozartiane, o per esempio dell’Allegro nell’Ouverture del Flauto Magico, ma la varietà e l’alternarsi di vari livelli sonori e la costruzione musicale (…), che costituiscono un potente stimolo per l’organizzazione dei processi mentali».
Se possiamo considerare la percezione di stare meglio, di dimenticare il dolore, anche come conseguenza di un processo mentale e non soltanto farmacologico (peraltro “tecniche” di controllo della sofferenza sono assai sviluppate dalla spiritualità dell’induismo), allora il musicologo ci indica la strada per assorbire i maggiori benefici dall’ascolto di questa Sonata per due pianoforti KV 448. Alle tastiere, messe una di fronte all’altra in un suggestivo ping-pong di rimandi sonori, Daniel Barenboim e il cinese Lang Lang. Sembra tutto semplice, quasi banale. Nessuna apparente complessità, nessuna cerebrale costruzione, nessuna grandiosità nell’architettura. Eppure la gioia sgorga fresca e spontanea. Eppure siete subito felici.
Buon ascolto.

Per approfondire l'ascolto

1) Wolfgang Amadeus Mozart: Sonata per due pianoforti KV. 448; Schubert: Fantasia per pianoforte a 4 mani
Murray Perahia e Radu Lupu, pianoforte (Sony Music, disponibile anche su iTunes)

2) Wolfgang Amadeus Mozart: Sonate pour deux pianos; Schubert: Fantaisie
Marielle & Katia Labeque, pianoforte (KML, disponibile anche su iTunes)

3) Mozart, Reger & Busoni
Music for two pianos
Andràs Schiff e Peter Serkin, pianoforte (ECM Records, disponibile anche su iTunes)
Sullo stesso argomento per pazienti

Il dolore e la cultura

Vuoi far parte della nostra community e non perderti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter