Fondazione Alessandra Graziottin onlus - per la cura del dolore nella donna Fondazione Alessandra Graziottin

Anni disponibili:  2015  2014  2013  2012 

Precedente 1 2 3 Successiva



Condividi su
Segnala Stampa

16/04/2015

Cancro ovarico: probabilità di sopravvivenza in funzione dell'area di origine


Ivanova A, Loo A, Tworoger S, Crum CP, Fan I, McLaughlin JR, Rosen B, Risch H, Narod SA, Kotsopoulos J.
Ovarian cancer survival by tumor dominance, a surrogate for site of origin
Cancer Causes Control. 2015 Apr; 26 (4): 601-8. doi: 10.1007/s10552-015-0547-y. Epub 2015 Mar 13


Analizzare la correlazione fra sito di insorgenza del tumore ovarico epiteliale e probabilità di sopravvivenza: è questo l’obiettivo dello studio di A. Ivanova e collaboratori, del Women's College Research Institute di Toronto, Canada.
Recenti ricerche indicano che una parte dei tumori ovarici si origina in realtà nella porzione distale della tuba di Falloppio. Gli Autori si avvalgono del concetto di “dominanza” per indicare appunto l’area da cui il tumore trae origine, e lo utilizzano per verificare se esso implichi differenze di prognosi.
Lo studio è stato condotto su 1386 casi di tumore, classificati come dominanti (origine presunta: ovaio) e non dominanti (origine presunta: tuba di Falloppio). La definizione di dominante è stata riservata ai tumori che coinvolgono un solo ovaio, o un ovaio che ecceda la dimensione dell’altro di almeno due volte; la definizione di non dominante, invece, è stata applicata ai tumori che coinvolgono in misura analoga entrambe le ovaie.
Questi, in sintesi, i risultati:
- i tumori non dominanti hanno una maggiore probabilità di essere sierosi, di stadio III o IV, associati a una mutazione dei geni BRCA 1 e BRCA 2, e dipendenti dalla parità e dall’uso di terapie ormonali sostitutive a base di estrogeni;
- il 46% e il 26% dei tumori dominanti sono rispettivamente sierosi ed endometrioidi, con una distribuzione più omogenea fra i vari stadi (p < 0.0001);
- le donne con un tumore non dominante hanno un maggiore rischio di morte (HR 1.28; 95 % CI 1.02-1.60), e questo vale anche per il solo sotto-tipo sieroso (HR 1.28; 95 % CI 1.01-1.63).
Da questi dati preliminari, da confermare attraverso ulteriori e più ampi studi, emerge quindi che i tumori ovarici a insorgenza tubarica presentano una probabilità di sopravvivenza meno favorevole.

top

Parole chiave:
Cancro ovarico epiteliale

Segnala Stampa

© 2015 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico